Napoli-Verona 3-0, pagelle / La sindone strappata di Albiol, Callejon cronografo svizzero. La genialità di Gabbiadini

Napoli-Verona 3-0, pagelle / La sindone strappata di Albiol, Callejon cronografo svizzero. La genialità di Gabbiadini

REINA – Finalmente una partita senza gol subìti, uno zero gioioso d’imbattibilità. Pepe torna e rimane disoccupato, basta la presenza – 6

Un tondo splendente e ghirlandoso, quello zero gioioso. Che bella immagine che hai trovato – 6

HYSAJ – L’ansia da spinta, per dimenticare Udine, lo proietta ben due volte oltre il fuorigioco, in versione ultraoffensiva. Tiene la fascia come al solito ma, minuscolo peccato veniale, il talentuoso Rebic gli rifila un tunnel – 6

Un’ansia un po’ immotivata, visto come abbiamo dominato sul Verona. Apprezzo la volontà di buttare la palla davanti, ma se costruissimo azioni utili su tutte le palle che ci capitano tra i piedi potremmo diventare perfetti – 6 

ALBIOL – La maglietta col 33, gli anni di Cristo, diventa una sindone azzurra strappata dall’odiato avversario gialloblu. Lui se la toglie e la offre come sacrificio all’arbitro, che non gradisce e lo sbeffeggia con un cartellino giallo. Determinante di testa in più d’una occasione – 6

Allora, Fabrizio, guardando la scena di Albiol che tocoléa la spalla sinistra dell’arbitro dopo l’ammonizione mi ha fatto gelare il sangue nelle vene, lo ammetto. Mi si è gelato di nuovo a sentire le dichiarazioni di Bigon nel postpartita: “Non per lamentarci… avrebbero vinto lo stesso… abbiamo perso giustamente… ma Albiol andava espulso”. Lo ritenevo uno intelligente, ti giuro, mi è franato il mondo addosso. Perché magari avrà anche esagerato, santa pace, ma puoi mai espellere un difensore che si ritrova con la maglia stracciata in area di rigore? – 7

CHIRICHES – Sovente fa batti e ribatti, sempre in bilico tra l’eroismo e il liscio. Coi minuti cresce e dà più sicurezza. Un intervento salvifico su Pazzini – 6,5

Quello con la punta del piede, vero? Splendido – 6

GHOULAM – Inizia ancora un po’ stordito per la nefasta sbornia in terra friulana. Poi guadagna lucidità e metri, non senza qualche sbavatura difensiva – 6

Mi preoccupava molto, alla vigilia. Ancora non è lui, ma sta assorbendo il colpo friulano – 6

STRINIC dal 42’ del secondo tempo – Avrebbe meritato una maglia da titolare. Invece entra a tre minuti dalla fine – senza voto

Almeno sappiamo che è vivo – sv

DAVID LOPEZ – Non è frenetico come Allan e questo si sapeva. Ma garantisce fisico e solidità, in una giornata di grazia per i tre del centrocampo. Irrompe nell’area veronese su sponda di Callejon e per poco non segna – 6,5

Oggi tutto ci serviva tranne la frenesia, Fabrizio caro. Ci servivano calma e temperanza, nervi saldi e muscoli d’acciaio nelle gambe. Ci servivano lucidità e tostezza. Ci serviva David Lopez – 7

JORGINHO – Ritorna in cattedra contro la squadra che lo ha lanciato. È l’origine di tutto come sempre e spesso fa anche l’ultimo passaggio – 7

Non ne perde una. Mi incanto ogni volta – 7

HAMSIK – Sul taccuino del cronista è appuntato. “Lancia Gabbiadini. Lancio per Callejon. Ancora lancio per Callejon. Centesimo lancio per Callejon”. Più di tutti, è il Capitano a prendere per mani e piedi la squadra dopo le note vicende, cara Ilaria. Quando gioca così non c’è Pogba che tenga – 8

È stato perfetto – 10

CHALOBAH dal 34’ del secondo tempo – senza voto

E mi dispiace: vorrei vederlo giocare di più – sv

CALLEJON – Gli abitanti di Konigsberg regolavano l’orologio sulle abitudini del loro concittadino filosofo Kant. Ecco, il giropalla del Napoli è una sinfonia di perfezione da cronografo svizzero quando Callejon taglia e aggancia e tira. Da centravanti è talmente preciso che segna il terzo gol. Investe di assist Gabbiadini. Il dio del tempo, Kronos, lo conservi a lungo con questa maglia – 8

Forse addirittura più utile a Gabbiadini che a Higuain. Forse dico un’eresia. Ma forse è che quei due là davanti, oggi, mi sono piaciuti tanto – 10

GABBIADINI – Nei primi ventuno minuti avrebbe potuto segnare tre gol, ma Gollini e il palo sono ostici. Epperò vale la pena aspettare per l’azione del 33’: da Hamsik a Callejon, tiro, respinta, Manolo di testa. Gol. Parte titolare in un momento topico della stagione e si fa trovare, eccome se si fa trovare. Bravo – 7,5

Avere una riserva del genere è una nota di merito per la squadra. Quel gol che gli para il portiere in scivolata sarebbe stato splendido. L’abbraccio della squadra al suo gol è stato un’immagine didascalica: “Qui, oggi, rinasce la squadra del Napoli. Una squadra che vanta un mostro dal nome Gonzalo, ma nella quale il cuore non manca a nessuno, e che tutti i suoi componenti contribuiscono a far vincere”. La genialità di chi, dopo aver aspettato un’intera stagione in panchina, si fa trovare pronto. La pienezza – 10

EL KADDOURI dal 23’ del secondo tempo – Entra in un modulo senza centravanti per vocazione. Lui, Insigne e Callejon come i romanisti Perotti, Salah ed El Shaarawy. È un’ipotesi. Ispirato da Jorginho, serve la palla del terzo gol a Callejon – 6,5

E che palla, Fabrizio! – 6,5

INSIGNE – Un palo e tante mirabilie. Compreso un rigore segnato, il secondo di questo campionato – 7,5

Un rigore esemplare, che pur nella sua scontatezza (li tira sempre dallo stesso lato) ha sfondato la rezza – 7  

ARBITRO CELI – L’ebbrezza di un arbitro normale in una partita giocata a un orario normale. Tanta roba di questi tempi – 7

Sì, è vero. Ormai quando entra l’arbitro in campo nelle partite del Napoli sembra quando Jack Nicholson arriva con l’ascia in mano, in Shining, e dice “Wendy, sono a casa, tesoro” – 6

CALZONA – Sostituisce Sarri in una partita per nulla facile, sia per la testa, sia per le gambe. E va tutto bene. Quota settanta è raggiunta, a metà strada tra il primo e il terzo posto – 7

Mi è dispiaciuto non sentirlo parlare. Ha fatto parte dell’immagine di robustezza e solidità che ha dato la squadra sul campo. Non era affatto una partita scontata, nonostante fosse contro l’ultima in classifica. La crisi mi sembra scongiurata, per la prossima stagione l’obiettivo è far giocare tutti, anche le riservissime – 8

 

ilnapolista © riproduzione riservata