In Inghilterra, febbraio è il mese di «Football Vs Omophobia». Le manifestazioni della Premier League e della Football Association

In Inghilterra, febbraio è il mese di «Football Vs Omophobia». Le manifestazioni della Premier League e della Football Association

L’Inghilterra è lontana: mentre in Italia si discute di cori e insulti razzisti, la Premier League scende in campo per il mese di “Football V Omophobia”, campagna di sensibilizzazione per i diritti degli omosessuali. 

L’iniziativa, per il 2016, conta sul supporto dei più importanti club inglesi: il Chelsea, il Manchester United e il Fulham lanciano insieme alla comunità LGBT un chiaro messaggio di inclusione. Inoltre, il Liverpool ospiterà un evento che celebra le persone gay, lesbiche, bisessuali e trans nello sport. Uno dei primi incontri dell’edizione in corso si è svolto tre giorni fa allo stadio Ethiad di Manchester, che ha accolto esponenti delle comunità LGBT di tutto il mondo per provare a sradicare il problema dell’omofobia nello sport.

Un altro importante evento legato al mese di lotta all’omofobia nel calcio è quello in programma il prossimo 21 febbraio, con il lancio di un network di allenatori LBGT all’interno della struttura federale di St George’s Park. Grazie al supporto della FA, la Federcalcio inglese, degli allenatori omosessuali potranno bypassare le difficoltà con le quali si trovano costretti a convivere tutti i giorni. Secondo un’indagine, il 78% degli allenatori LBGT hanno avuto dei disagi, durante la loro carriera, derivanti dalle loro preferenze sessuali. Il 50%, invece, non ricopriva invece una posizione lavorativa. 

James Earl, uno dei responsabili del network, descrive così gli obiettivi di questa iniziativa: «Vogliamo cambiare le cose, fornire modelli positivi per le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender che intraprendono la carriera di allenatore. Vogliamo anche sensibilizzare l’opinione pubblica sul contributo offerto dagli allenatori di questa comunità allo sviluppo del calcio inglese».

Per saperne di più: http://www.footballvhomophobia.com/

ilnapolista © riproduzione riservata