Mertens frantuma il Torino, doppietta di Higuain su rigore

Un rigore che c’è (contatto di Bellomo con Mertens, ma se ne discute) e un rigore discutibile (gomito di Glik attaccato al corpo, decide il giudice di linea Mazzoleni) e Higuain non perdona dal dischetto: prima un tiro violento sotto la traversa, poi l’esecuzione a spiazzare il portiere. Così il Napoli batte il Torino nel primo tempo (2-0). Nella ripresa, Padelli salva in tre occasioni, in altre due opportunità favorevoli il Napoli conclude fuori e Reina sventa due gran tiri di Meggiorini. Da diciassette anni il Torino usciva incolume dal San Paolo.
La partitissima di Mertens ha inciso profondamente con nove azioni da applausi a cominciare dal sombrero con cui salta Masiello al limite dell’area e poi va al contatto con Bellomo guadagnando il rigore dell’1-0. Benitez fa ruotare tutti. Confermati Maggio e Armero sugli esterni della difesa. Fernandez e Albiol impeccabili al centro. Riposo per Behrami, in campo Dzemaili più in copertura che avanti secondo il suo ruolo naturale di mezzala. Inler ben presente nella fase passiva e in quella attiva. Ci sono dall’inizio Higuain e Hamsik. A sinistra Insigne. Poi ci sarà spazio per Callejon (67’ per Higuain) provato per una diecina di minuti da prima punta (un pallino di Benitez), per Pandev (75’ per Mertens applauditissimo) e per Zapata (80’ per Hamsik). Benitez vuole tutta la “rosa” sulla corda, gli impegni sono tanti.
Per venti minuti c’è solo il Napoli in campo. Il Torino arretra, il palleggio di prima degli azzurri lo fa girare a vuoto. Hamsik gioca più in copertura, Inler è attivissimo, Higuain corre e pressa. Il Torino si affaccerà in avanti solo al 40’ con la punizione di Cerci sventata da Reina sotto la traversa e sfiorerà il gol con una acrobazia di Glik su corner (43’), conclusione alta.
Nei primi venti minuti il Napoli gioca con grande intensità. Mertens subito alla ribalta. Pressa gli avversari sulla sua fascia, corre, recupera, schizza in avanti palla al piede, nessuno lo ferma. E’ un Napoli sicuro che passa e ripassa la palla in attesa di colpire. E’ una gran mattinata di sole, 50mila sugli spalti, temperatura estiva. Nel Torino, Cerci poco cercato è un’ombra. Barreto non fa male. I centrali azzurri non concedono nulla nei contrasti e giocano di anticipo. Armero difende bene, ma quando va avanti sbaglia i cross. Si dà da fare Insigne che cerca il gol in più occasioni.
Al quarto d’ora, il Napoli è meritatamente in vantaggio con la prodezza di Mertens e il contatto con Bellomo che viene punito col rigore realizzato da Higuain (14’). Il bis alla mezz’ora: sul corner, il tiro di Fernandez colpisce il gomito di Glik. E’ ancora rigore e Ventura si infuria a ragione. Higuain raddoppia (31’) e sono cinque i gol in campionato. Un lancio prodigioso di Dzemaili pesca Insigne in libertà a sinistra. Padelli deve uscire dall’area, ma perde la palla. Insigne tira a porta vuota, ma D’Ambrosio devia in angolo (37’).
Il Napoli piace per palleggio e cambi di campo. Fa correre la palla. Preme maggiormente sulla destra con Mertens e Maggio. Il Torino cerca di avanzare sul lato opposto con D’Ambrosio: quando non c’è Insigne a fermarlo, ci pensa Inler con coperture puntuali. Reina sventa la punizione insidiosa di Cerci (40’). Il Torino fa più possesso-palla, ma sterile.
Ventura tenta di scuotere i granata nella ripresa con Meggiorini per Cerci e l’albanese Basha per Gazzi. Ma è ancora il Napoli pericoloso in attacco. Hamsik sfiora il palo (49’), Maggio viene sbilanciato nell’area torinese (55’) ma coi rigori il discorso è chiuso, un gran tiro di Hamsik è deviato in corner da un difensore (56’). Insigne va a destra e Mertens a sinistra. Lorenzinho vuole il gol a tutti i costi dopo l’occasione del 37’. Salta due avversari in area, ma lo tradisce il rimpallo (60’). Il Napoli si abbassa, soddisfatto del risultato, concedendo poco al Torino. Dribbling e contro-dribbling di Higuain in area, palla persa (61’). Insigne insiste alla ricerca del gol, ma conclude alto (67’). C’è poco Torino e il Napoli è in perfetto controllo.
Benitez dà respiro a Higuain proponendo Callejon prima punta al suo posto. Hamsik è onnipresente a centrocampo. Recupera, corre, imposta. Sono spettacolari alcuni uno-due degli azzurri in attacco. Anche Mertens vuole il gol, ma Padelli salva in angolo (69’), poi esce per Pandev. Il macedone gioca di punta con Callejon a destra e Insigne a sinistra. Il Torino è più vivace con Meggiorini che va al tiro rabbioso due volte (78’ e 89’) trovando Reina magnifico nelle risposte: gran volo sul primo tiro, portentosa respinta a pugni sul secondo.
Il Torino non si avvicina mai al recupero del match. Benitez rispolvera Zapata per Hamsik negli ultimi dieci minuti. Il colombiano fa la prima punta, sugli esterni Callejon e Insingne, Pandev di rincalzo. Basha va fuori (87’), rosso diretto, affondando Pandev da ultimo uomo. E Pandev sfiora il gol nel recupero dopo avere saltato due avversari, Padelli salva in angolo.
Vittoria azzurra chiarissima nonostante le discussioni sui due rigori decisivi. Dopo lo stop di Roma, il Napoli si rialza e sta alle calcagna della Roma.
Mimmo Carratelli

NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Armero; Dzemaili, Inler; Mertens (75’ Pandev), Hamsik (80’ Zapata), Insigne; Higuain (67’ Callejon).
TORINO (3-5-2): Padelli; Darmian, Glik, Moretti; D’Ambrosio (62’ Maksimovic), Gazzi (46’ Basha espulso all’87’), Vives, Bellomo, Pasquale; Cerci (46’ Meggiorini), Barreto.
ARBITRO: De Marco (Chiavari)
RETI: 14’ Higuain rigore, 31’ Higuain rigore.

SERIE A – 9^ GIORNATA.
Sampdoria-Atalanta 1-0, Inter-Verona 4-2, Napoli-Torino 2-0, Bologna-Livorno 1-0, Catania-Sassuolo 0-0, Chievo-Fiorentina 1-2, Juventus-Genoa 2-0, Parma-Milan 3-2, Udinese-Roma 0-1, Lazio-Cagliari.

CLASSIFICA: Roma 24; Napoli 22; Juventus 19; Inter 18; Verona 16; Fiorentina 15; Atalanta 12; Milan e Lazio 11; Torino, Udinese e Cagliari 10; Parma e Sampdoria 9; Livorno e Genoa 8; Catania e Sassuolo 5; Chievo 4; Bologna 3.
Samp, Atalanta, Inter, Verona, Torino, Napoli una partita in più.
PROSSIMO TURNO. Martedì 29: Atalanta-Inter. Mercoledì 30 (20,45): Cagliari-Bologna, Fiorentina-Napoli, Genoa-Parma, Verona-Sampdoria, Juventus-Catania, Livorno-Torino, Milan-Lazio, Sassuolo-Udinese. Giovedì 31: Roma-Chievo.

ilnapolista © riproduzione riservata