Scusate, ma ho visto Diego fare gol alla Nigeria

Mi ero ripromesso di non scrivere più di Lui. Tutti hanno scritto tutto, me compreso. Ma se è vero che il Napolista è l’oasi felice dei “malati d’azzurro”, chiedo umilmente al direttore e alla redazione il permesso di essere patetico per qualche riga (ho appena consultato il dizionario on line: patetico nel senso di “far leva sul sentimento”). DEVO farlo.
Ho appena letto su Repubblica di oggi l’intervista a Diego Armando Maradona, questa l’ultima risposta virgolettata: “ …se ci saranno sorprese? L’unica possibile è che decida di giocare io”.
Lo so, è una str….aordinaria provocazione, stupisce come solo Lui sa stupire, ma ho avuto un flash (ecco, sto diventando il patetico mister Hyde di me stesso): “…80° minuto, esce Messi, entra Maradona… un Pibe un po’ in sovrappeso ma sempre de Oro….camiseta numero 10 – Messi ha giocato col 10 bis. Il pubblico è in delirio, Diegò, Diegò….un gruppo di napoletani tenta l’invasione di campo, sono tutti in maglia azzurra e con la parrucca riccioluta…vengono fermati e rispediti sugli spalti… appena entrato, Diego tenta immediatamente un dribbling ma viene falciato dal nigeriano Yobo….. punizione, lato destro della porta avversaria … Maradona sembra prendere la mira… un silenzio assordante copre le urla del portiere Eneyama che, disperato, dà disposizioni agli uomini in barriera…. rincorsa, Diego Armando calcia a giro, tiro simile a quello di Napoli Juventus 1 a 0 con Tacconi beffato, due secondi che sembrano due ore … Eneyama vola ma la palla entra esattamente nell’incrocio dei pali, è gol! Maradona, gol…..”
Mi sento strattonare, mio figlio vuol andare al parco con qualche amico e un pallone:
“Papà, ma perché hai gli occhi lucidi”?
“Niente, niente, sono un po’ raffreddato.
A proposito, oggi non ti accompagno alla festa di Vittoria, andrai con mamma”.
“Perché”?
“Perché forse oggi gioca Maradona”.
“Maradona? Ma adesso non fa l’allenatore”?
“Bravo, stai imparando. Però forse gioca. Si chiama Maradona. E io non posso mancare”.
Giuseppe Pedersoli

ilnapolista © riproduzione riservata