Maccarone e Vagner Love
Il mercato inizia a piacermi

E’ un periodo un po’ di magra. Il campionato è finito, il Mondiale non è ancora cominciato, il mercato langue. Mazzarri, giustamente, rivela poco o niente delle strategie azzurre, e mi sta simpatico quando dichiara che il suo peggior incubo è una giornata senza sigarette.  Il nodo, comunque, è il mercato. E io devo dire che gli ultimi nomi mi hanno finalmente solleticato. Ho letto che qualcuno ha storto il naso all’ipotesi Maccarone. Invece a me piace. Un bell’attaccante che può fare panchina senza fiatare ma che in campo sa farsi sentire e segna pure. Di un giocatore avevamo bisogno già da un paio d’anni. Anche quel brasiliano, Vagner Love, non è affatto male. Andatevi a vedere che cosa combinò all’Inter due anni fa in Champions: segnò due reti a San Siro da attaccante di razza; poi l’Inter ne fece quattro al Cska Mosca, ma questa è un’altra storia. Di Fred non so nulla, non l’ho mai visto. Mi dicono che sia forte. Comunque, mi pare che il nodo sia là davanti e che la società si stia muovendo. Insomma, sono rinfrancato rispetto a una settimana fa anche se nulla è stato fatto.
Mi sto rassegnando all’addio di Cigarini. Non sono d’accordo ma la squadra la fa Mazzarri e l’allenatore la fiducia se l’è guadagnata sul campo. A me neanche Cristiano Zanetti dispiace: certo gioca al massimo quindici partite (perché si infortuna) ma sa giocare a calcio. Mi pare che il Napoli sia alla ricerca di calciatori affidabili, di esperienza. E credo che proprio di questo abbiamo bisogno. E di un centravanti vero. Insomma, oggi sono fiducioso. Tranne che per il futuro del San Paolo, ma di questo parleremo abbondantemente.
Massimiliano Gallo

ilnapolista © riproduzione riservata