Mertens, la moglie e il dilemma: Napoli città rapace o città dell’amore?

Tornano i tempi della fidanzata casertana di Cavani e del ritiro punitivo ordinato da De Laurentiis. Napoli ha minato la serenità familiare dei Mertens.

Mertens, la moglie e il dilemma: Napoli città rapace o città dell’amore?
I coniugi Mertens ad Halloween, travestiti da Hamsik e Insigne

Digressione gossippara

Ci perdonerete se anche noi del Napolista ci concediamo una digressione gossippara. Poiché da circa dieci giorni in città il caso Mertens tiene banco – non è che tutti ne parlino, ci sono anche i bus e la metro che non passano – allora vogliamo anche noi offrire il nostro contributo. Pare quindi che dietro i mal di pancia di Dries ci siano in realtà quelli della moglie Kat donna molto simpatica ai napoletani per il suo sorriso e per la sua conversione alle bellezze geografiche napoletane. Ma che ha lasciato la città dopo aver scoperto altro.

Il Corriere del Mezzogiorno scrive in maniera fin troppo chiara – adesso non ricordiamo di chi fosse dieci giorni fa la primogenitura del rumor – che lei avrebbe posto un veto per la continuazione del loro rapporto. Napoli non è più quella splendida città che hanno vissuto insieme per quattro anni, in maniera spensierata, da Palazzo Donn’Anna alla maniera di Dudù. C’è stata una ferita non sappiamo quanto ricucibile a Napoli.

La città dell’amore

Riuscirà Dries a salvare il rapporto senza rinunciare a Napoli? Vedremo. Intanto non possiamo tornare a quel concetto di città rapace su cui De Laurentiis tenne una quasi conferenza colta nella sala stampa del San Paolo annunciando il ritiro dopo l’eliminazione in semifinale di Coppa Italia con la Lazio. Il riferimento pare che fosse a Gonzalo Higuain. E Napoli aveva la ferita ancora aperta della famosa Maria Rosaria giovane cassiera della provincia di Caserta che aveva contribuito a dividere Edinson dalla sua Soledad.

La città dell’amore non è sempre un inno rivoluzionario come nelle intenzioni del sindaco de Magistris.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Brunello de Luxe

    Novella 2000 o Eva 3000 non avrebbero saputo fare di meglio.Per capirci,anche se ci fosse del vero in queste chiacchiere da salumeria,il Napolista non ci fa una grandissima figura ad amplificarle ,a meno che non stia già iniziando la campagna per far diventare “cattivo” Dris

    • White Shark

      👍.

    • SirCharles#34

      Il Napolista si limita a riportare la storia. Ma il venticello della calunnia parte dalle labbra (in TV) e dai polpastrelli (corriere del mezzogiorno) di quella shampista di Monica Scozzafava (che scozza sempre fave altrui, mai le sue) la quale dietro un vocabolario delicato, comunque spiattella in stampa delle vicende privatissime è molto delicate di una coppia sposata.

      • Brunello de Luxe

        Che il pettegolezzo sia stato riportato dal corriere del mezzogiorno,comunque non il NYT, c’è scritto anche in questo articolo,ma mi sembra che non sia questo il punto . Il punto è che il Napolista su queste “vicende privatissime” ci fa la scarpetta di seconda mano, mentre in altri tempi su queste pagine si ironizzava con sufficienza a proposito de “..il nipote del vicino della cugina di una signora che lavora facendo la pulizia a casa di un calciatore…”(*) , apprezzando le allusioni di Benitez ai gossip che giravano intorno alla squadra.Addirittura ci si auspicava che le parole dello spagnolo fossero affisse in “…titoli cubitali all’ingresso di Castel Volturno e persino in piazza del Plebiscito…” (massì ,poi dicono che siamo tirati).Prendevo solo atto che anche qui si è passati dal diritto di cronaca al diritto di inciucio.

        (*) http://www.ilnapolista.it/2014/08/benitez-cosi-parlo-bellavista-il-fratello-di-parascandolo/

        • SirCharles#34

          Questo che dici è vero. Hai ragione. Avevo dimenticato quella storia. Effettivamente questa testata avrebbe potuto differenziarsi dalla massa…

    • Mauri Franksson

      Non capisco i tuoi rilievi a questo articolo. Li trovo di un’ipocrisia sconcertante.
      Qui non ci si sta facendo i c*zzi di un tesserato a sproposito. Si parla di una circostanza che evidentemente sta incrinando il rapporto tra Dries, la città e la squadra, e che potrebbe pregiudicare il rinnovo del contratto che un paio di mesi fa sembrava una formalità.
      Quindi parlarne non mi sembra assolutamente fuori luogo.
      Non mi sembra che il Napolista abbia rivelato chissà quali particolari piccanti, né succulenti retroscena. Non mi sembra nemmeno che si faccia la morale a nessuno.
      Il blog ha preso atto di una situazione che sarebbe stato assurdo ignorare e che ha dei precedenti. E che soprattutto ha degli inevitabili riverberi sulla squadra, la società e il calcio mercato.
      Mettere in mezzo Novella 2000 e Eva 3000 è assolutamente ri-di-co-lo.

  • Nicila

    I ragazzi sono giovani e famosi e capita a loro quel che capita a milioni di persone.
    Fa parte della vita e se dovesse lasciare Napoli ce ne faremo una ragione

  • @mezzonero

    Faciteve e corna vost.

  • Ciro Polpetta

    Fare gli intellettuali a tempo pieno è usurante.

  • rallff31

    Mertens,e lo dico da avversario,è e resterà,comunque vada,il capolavoro tecnico/tattico di Maurizio Sarri

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.