ilNapolista

Rabiot: «Con un allenatore come Pirlo non puoi che imparare»

“Ronaldo? A 36 anni sa esattamente come gestire i suoi sforzi. Non può essere appreso, è uno stato d’animo, una questione di volontà. La sua instancabile determinazione è esemplare”

Rabiot: «Con un allenatore come Pirlo non puoi che imparare»

Il centrocampista della Juventus, Adrien Rabiot, si racconta a Billionkeys.

“Ho firmato con la Juventus a 24 anni, non è come se fossi arrivato subito dopo la mia formazione nel settore giovanile. Certo che quando ti trasferisci all’estero cambiamo molte cose. Ogni giorno che passa si matura. E’ un altro tipo di calcio, un altro modo di fare le cose, un’altra lingua. E’ un cambiamento importante a tutti i livelli”.

Rabiot ha descritto la sua giornata tipo in bianconero.

“Faccio colazione al centro sportivo. Abbiamo sempre appuntamento un’ora prima dell’allenamento che inizia alle 11:00 sul campo. Tuttavia, alle 10:30 tutti sono in sala pesi. Effettuiamo lavori di prevenzione. Ognuno fa in base alle proprie esigenze del momento. Alla Juventus questo è un aspetto molto importante. Al PSG potevamo restare negli spogliatoi senza fare questo lavoro prima di una seduta. Qui si fa molto duramente tra due partite. Dopo ogni allenamento, dedichiamo molto tempo al lavoro di cura e recupero. È molto professionale a questo livello. La mentalità italiana non tollera alcuna deviazione da questo percorso. Usiamo bagni freddi o caldi, ma anche la piscina. Poi pranziamo tutti insieme. Di solito, lascio il centro sportivo intorno alle 14:30″.

Sull’assenza di pubblico negli stadi:

Fa schifo! Ha chiaramente un impatto sulle partite, sulle competizioni. Quando ci sono 40.000 o 50.000 spettatori, sai perché sei lì. Lì abbiamo l’impressione di giocare partite di allenamento. La motivazione non è allo stesso livello del solito, perché non c’è affatto la stessa adrenalina. Dobbiamo giocare davanti ai nostri tifosi, ci siamo abituati e ne abbiamo bisogno. Il pubblico può aiutare una squadra a superare se stessa in tempi che possono essere difficili. Quando una squadra è sotto pressione o è mentalmente influenzata, i suoi sostenitori possono consentire loro di raddoppiare i loro sforzi per ottenere un risultato positivo. Il tennista francese Benoît Paire può esagerare a volte il suo atteggiamento, ma capisco perfettamente la sua mancanza di motivazione in relazione a questa situazione senza precedenti. Non pratichiamo sport di alto livello per esercitare la nostra disciplina a porte chiuse. Dobbiamo affrontare con pazienza i nostri guai, sperando in un rapido ritorno dei tifosi negli stadi”.

Sull’aumento della sua massa muscolare:
“Rassicuro tutti, non prendo nessun prodotto illegale! È vero che mi viene regolarmente segnalato che ho guadagnato massa muscolare. È il frutto del metodo di lavoro della Juventus. Tuttavia, non lavoro specificamente più di altri giocatori in sala pesi. Penso che sia più legato agli esercizi fatti sul campo durante il pre-campionato e durante la stagione, oltre che a uno stile di vita sano”.
Su Pirlo:
“Si impara ogni giorno, tutta la nostra vita e da tutti. Firmando per la Juventus, ho imparato un nuovo modo di lavorare. Con un allenatore come Andrea Pirlo non puoi che imparare! Può solo aiutarmi a progredire. Ho anche conosciuto nuove persone con le proprie capacità, compagni di squadra con qualità diverse e variegate. È un apprendimento continuo”.
Infine, su Ronaldo:
“La chiave del suo successo è lì: lavoro, lavoro e ancora lavoro. Sia nel calcio che in altre aree. Penso in particolare a Elon Musk, il capo della casa automobilistica Tesla. Sono grandi lavoratori che non si fermano mai. Da quando lavoro con Cristiano, ha mostrato grande rigore nel suo lavoro quotidiano. Certamente ha un talento naturale, ma non è solo questo, sarebbe troppo facile. Ha anche l’intelligenza per conoscere bene il suo corpo. A trentasei anni sa esattamente come gestire i suoi sforzi. Non può essere appreso, è uno stato d’animo, una questione di volontà. Questo è quello che ricevo da lui quotidianamente, questa voglia di restare concentrato sulla sua prestazione atletica. Alla sua età gioca quasi tutte le partite, accumula fatica, un vero dispendio di energie eppure risponde sempre. La sua instancabile determinazione è esemplare”.
ilnapolista © riproduzione riservata