ilNapolista

Macalli: «Allegri non guardava in faccia a nessuno. Alla Juventus qualcuno pagherà per il suo addio»

L’ex presidente Lega Pro a Sportitalia: «Fanno giocare quest’eterna promessa di Bernardeschi. Mandzukic ha risolto un sacco di problemi e lo stanno mandando in Qatar»

Macalli: «Allegri non guardava in faccia a nessuno. Alla Juventus qualcuno pagherà per il suo addio»
Photo Matteo Ciambelli

Tuttojuve riprende le dichiarazioni a Sportitalia di Mario Macalli ex presidente della Lega Pro. Parole molto dure nei confronti della dirigenza della Juventus. 

«C’è un piccolo particolare, che adesso non hanno più l’uomo che gli fa pensare a vincere le partite, questo è un problema. Il problema è che con Allegri, con tutte le sue manchevolezze che ognuno di noi ha, lui non guardava in faccia a nessuno, i giocatori stavano bene attenti a fare quello che lui diceva di fare, altrimenti non giocavano più. Noi adesso adesso abbiamo una situazione dove la Juve sta mandando in Qatar uno come Mandzukic che ha risolto un sacco di problemi e non hanno nessuno davanti che faccia gol adesso. Abbiamo un centrocampista come Emre Can che ormai non è più buono neanche lui. Fanno giocare questa eterna promessa che tra poco non sarà più neanche una promessa, perché Bernardeschi non è nulla, invece di andare avanti continua ad andare indietro.

«Fanno giocare questo fenomeno, giovanissimo, Bentancur, che non la prende mai. Io non lo so. Hanno comprato due giocatori a parametro zero: Ramsey non si sa che fine ha fatto, è sempre infortunato. A Rabiot hanno dato un sacco di soldi, boh. Dove sono? Adesso vanno a giocare a Madrid e ci sarà da divertirsi. Non è una critica, ma una constatazione che nessuno fa perché quando si parla di Juventus bisogna stare attenti. Io so che la Juventus ha una società potente, con gente potente anche sotto il profilo professionale, però quello che hanno fatto quest’anno con Allegri li abbia messi in una condizione che penso che qualcuno dovrà pagare duramente alla fine di questo campionato».

ilnapolista © riproduzione riservata