Roma-Napoli 1-1 primo tempo. Il Napoli spreca troppo e la Roma pareggia su rigore

Napoli assurdo, da schiaffi. Segna dopo due minuti con Milik (bellissimo gol) poi gioca con una sufficienza irritante. E viene punito nel recupero

Roma-Napoli 1-1 primo tempo. Il Napoli spreca troppo e la Roma pareggia su rigore
Salvatore Laporta / KontroLab

Leziosità da schiaffi

Roma-Napoli 1-1 dopo 45 minuti. Il Napoli segna dopo due minuti e poi controlla il primo tempo. Troppo. Spreca l’impossibile. E giustamente, come accade nel calcio, viene punito con un calcio di rigore nel finale: segna Perotti. Rigore assegnato per un fallo di Meret su Schick.

Assurdo il comportamento degli azzurri, Che giocano con una superficialità da schiaffi. Troppa leziosità da parte degli azzurri che giocano senza determinazione negli ultimi 25 metri. Imperdonabile non aver chiuso la partita. Irritante la sufficienza con cui il Napoli ha gestito la partita.

Milik dopo due minuti

Dopo due minuti, gol bellissimo di Milik su assist di Verdi. Il Napoli si adegua poi al ritmo blando della Roma che – con Zaniolo in panchina – fa poco o nulla. Gli azzurri sprecano due grandi occasioni. Una con Verdi, un rigore in movimento, ma il Var avrebbe poi fischiato il fuorigioco. E poi soprattutto con Milik che segna ma evidentemente era davanti al pallone al momento del passaggio di Mertens. Una leggerezza che costa il 2-0 al Napoli.

Il Napoli avrebbe potuto e dovuto chiudere il tempo con più di una rete di vantaggio. Si è invece accontentato. Avrebbe potuto fare molto di più contro la Roma svagata e senza idee.

Sembra un altro Verdi. Un Sansone al contrario. Si taglia i capelli ed è irriconoscibile, acquista forza. Va via dopo due minuti scodella un pallone delizioso per Milik che non vuole essere da meno: se la porta avanti col tacco e di sinistro fulmina Olsen con una botta alla Batistuta che assiste in tribuna. Poi, però, col passare dei minuti torna il Verdi che conosciamo.

Al 13esimo ammonito Schick e al 17esimo Maksimovic e nel finale Milik.

Nzonzi beccato dal pubblico. Eppure è lui, al 18esimo, a firmare il primo tiro della Roma verso la porta di Meret. Un bel colpo di testa del francese, di poco fuori, su cross di Cristante.

Al 31esimo clamorosa occasione sbagliata da Verdi. Mertens viene servito da Callejon ma è in posizione di fuorigioco, il guardalinee non sbandiera (ci sarebbe poi stato il Var), il belga serve al centro un rigore in movimento a Verdi che tira malamente su Olsen.

Nessuna parata di Meret. Buon primo tempo di Fabian Ruiz che si è ripreso fisicamente dopo l’influenza. Ma è un Napoli da schiaffi.

ilnapolista © riproduzione riservata