Supercoppa, la nota della Lega: «Le donne potranno accedere da sole allo stadio di Gedda»

«Non avranno bisogno dell’accompagnatore maschio», precisa Micciché. Ma in ogni caso non avranno libero accesso a tutto l’impianto, quindi la sostanza non cambia.

Supercoppa, la nota della Lega: «Le donne potranno accedere da sole allo stadio di Gedda»

Dal sito ufficiale

La Lega Serie A risponde sul caso-Supercoppa. Il match tra Juventus e Milan si disputerà il 16 gennaio a Gedda, in Arabia Saudita, e ci sono delle forti perplessità sugli scarsi diritti civili concessi alle donne nel paese mediorientale. Proprio su questo tema, il presidente Micciché ha diffuso un comunicato ufficiale in cui spiega le motivazioni e sembra ridimensionare le polemiche. Qui il testo completo, sotto un estratto:

«Questo trofeo, fin dal 1993 nella sua prima edizione all’estero, è stato il biglietto da visita per esportare e promuovere il calcio italiano nel mondo. Abbiamo giocato questa competizione due volte negli Stati Uniti, quattro volte in Cina, così come in Qatar e in Libia. La scelta di portare il calcio in aree che differiscono per cultura e per tipologie di governo non è una decisione solo italiana, ma ha altri esempi internazionali poiché lo sport ha sempre più bisogno di platee globali per crescere».

«Il caso Khashoggi, avvenuto lo scorso ottobre, dunque mesi dopo la definizione dell’accordo, ha posto la scelta dell’Arabia Saudita sotto i riflettori e doverosamente la Lega Serie A si è interrogata su cosa fosse giusto fare. Il calcio fa parte del sistema culturale ed economico italiano e non può avere logiche, soprattutto nelle relazioni internazionali, diverse da quelle del Paese a cui appartiene».

Gli accordi con le aziende italiane

«L’Arabia Saudita è il maggior partner commerciale italiano nell’area mediorientale grazie a decine di importanti aziende italiane che esportano e operano in loco, con nostri connazionali che lavorano in Arabia e nessuno di tali rapporti è stato interrotto. Il sistema calcio non può assurgere ad autorità sui temi di politica internazionale, né può fare scelte che non rispettino il sistema Paese. Al contrario, è un fondamentale supporto alla promozione del made in Italy e dei suoi valori.  Il calcio non fa politica, ma ha un ruolo sociale, in questo caso di veicolo di unione e comunanza tra popoli che non ha uguali in nessun altro settore. In poche ore di prevendita la Supercoppa a Jeddah ha registrato il sold out, un evento di una portata internazionale atteso con grande entusiasmo dai tifosi locali».

«Con il benestare di Fifa, Uefa e Confederazione asiatica stiamo andando a disputare una gara di calcio ufficiale in un Paese con proprie leggi sedimentate da anni, dove tradizioni locali impongono vincoli che non possono essere cambiati dal giorno alla notte. Sono ottimista per definizione, e guardo con fiducia al futuro e ai passi già fatti. La volontà in tal senso degli organizzatori locali ci è parsa subito netta, in Arabia Saudita nelle scorse settimane sono stati organizzati una serie di eventi sportivi per aprirsi gradualmente al mondo».

I visti turistici e le donne

«L’Arabia Saudita da molto tempo non concedeva visti turistici: il calcio ha sorpassato anche questi vincoli, e chi vorrà potrà venire dall’estero a vedere il match grazie a un permesso legato al biglietto della partita. Ogni cambiamento richiede tempo, pazienza e volontà di confronto con mondi distanti. Fino allo scorso anno le donne non potevano assistere ad alcun evento sportivo, da pochi mesi hanno accesso ad ampi settori dello stadio, che hanno iniziato a frequentare con entusiasmo, e noi stiamo lavorando per far sì che nelle prossime edizioni che giocheremo in quel Paese possano accedere in tutti i posti dello stadio».

«Voglio precisare che le donne potranno entrare da sole alla partita senza nessun accompagnatore uomo, come scritto erroneamente da chi vuole strumentalizzare il tema: la nostra Supercoppa sarà ricordata dalla storia come la prima competizione ufficiale internazionale a cui le donne saudite potranno assistere dal vivo».

La sostanza non cambia

Ovviamente, anche Il Napolista ha scritto sul tema. Nonostante la precisazione (doverosa) della Lega, il punto e il nostro punto di vista non cambiano. Per soldi, il nostro calcio esporta la competizione in un Paese che non concede accesso libero alle donne ad un intero stadio di calcio. Resteranno confinate nel settore “Families”, anche senza accompagnatore. Non potranno entrare in altri punti dell’impianto. Non ci pare abbastanza per gridare al cambiamento, e all’integrazione.

ilnapolista © riproduzione riservata