Se il Napoli giocasse lontano da Napoli, avrebbe più spettatori

Nemmeno ventimila spettatori contro la Lazio. In città tanti tifosi sono convinti di essere in credito con il club. Fuori Napoli, lo stato d’animo è diverso

Se il Napoli giocasse lontano da Napoli, avrebbe più spettatori

19.448 spettatori

Napoli-Lazio 19.448 spettatori. Un dato che ormai non fa nemmeno più notizia. Lo stadio in città è sempre più virtuale. Concetto caro a De Laurentiis ma il presidente del Napoli intente per stadio virtuale quegli appassionati che seguono la propria squadra pur non guardando le partite dal vivo. Quegli appassionati che magari acquistano la maglia ufficiale su Amazon. Lo stadio virtuale a Napoli è un concetto diverso. Che però il presidente aveva previsto. Quando ancora si parlava della realizzazione di uno stadio di proprietà, De Laurentiis dichiarava di volerne costruire uno da ventimila posti, al massimo trentamila. Parole che come al solito offesero la tifoseria cittadina che continua a percepirsi come la tifoseria degli ottantamila. I centomila cuori. Che da tempo, tanto tempo, non esistono più.

La recriminazione di Napoli

I motivi di questa disaffezione, come al solito, sono molteplici e diversi. Dalla fatiscenza dello stadio San Paolo – che però lentamente sta migliorando – alle condizioni difficili dei trasporti, al campionato che sembra aver perso appeal perché vince sempre la Juventus, alla diffidenza nei confronti di De Laurentiis. O alla nostalgia per Sarri (se i tifosi del Chelsea sapessero che qui non pochi preferiscono Sarri ad Ancelotti…). Napoli è una realtà virtuale. Soltanto qui fioriscono movimenti d’opinione come quello del papponismo (“De Laurentiis è un pappone, sfrutta il Napoli per guadagnare ma noi tifosi non vinciamo mai”). Il tifoso del Napoli residente a Napoli si sente in credito con la società. Qui il tifo ha assunto un significato diverso. Il tifoso è convinto di dover esigere qualcosa dal Napoli. In nome di cosa non si sa.

Nel resto d’Italia è diverso

C’è però un rovescio della medaglia. Il Napoli non è soltanto Napoli. Non è affatto soltanto Napoli. Il Napoli ha tifosi in tutta Italia e in tutto il mondo. E questa idiosincrasia, il pensiero di avere un credito da esigere, esiste soltanto a Napoli. I tifosi del Napoli residenti altrove, hanno un approccio completamente diverso. Non è certo un caso se la tifosa azzurra che commosse il web a Torino (contro il Torino) vive in Francia ed è figlia di un emigrante. A Napoli è raro, per non dire impossibile, imbattersi in una ragazzina con la maglia ufficiale che si dispera per le sorti della propria squadra. Fuori Napoli, invece, se ne trovano tante.

È un fenomeno cui abbiamo assistito già quest’estate a Dimaro: sul web imperava la polemica per la maglia nuova e il mancato calciomercato del Napoli, quasi tutti napoletani di Napoli. A Dimaro, invece, tantissimi tifosi, provenienti da tutta Italia, si mettevano in fila per acquistare la maglia a cento euro, sorridenti e felici di essere lì. Nessuna polemica, nessuna recriminazione. Soltanto la gioia e la felicità di essere tifosi del Napoli e di poter vivere qualche giorno vicino ai propri beniamini.

Il paradosso di questa situazione – una squadra seconda in classifica che non porta nemmeno ventimila spettatori allo stadio – è che in qualsiasi altra città d’Italia il Napoli riempirebbe gli stadi. Riempirebbe qualsiasi stadio del Centro-Nord. Se il Napoli giocasse al Tardini di Parma – 22mila spettatori – farebbe il tutto esaurito ogni partita. Ma lo farebbe anche al Grande Torino (28mila spettatori) e avrebbe un pubblico decisamente più entusiasta. Potremmo anche osare di più. Il Napoli è una squadra che al Nord porterebbe anche 40mila persone allo stadio. E in un clima diverso. Di gioia, non di recriminazione. Non accadrà mai. Sarebbe un taglio troppo netto con la città, città che però difficilmente cambierà atteggiamento.

De Laurentiis fa bene a dire che i signori della Champions, in vista della Superlega, dovranno tener conto dei risultati sportivi del Napoli. Ma contano anche altri fattori. Contano i tifosi consumatori. Conta lo stadio dove giochi. Conta la fan-base che hai. Il Napoli fuori Napoli queste caratteristiche le ha. A Napoli decisamente meno. Come dimostrano i nemmeno ventimila spettatori accorsi allo stadio per assistere a Napoli-Lazio.

ilnapolista © riproduzione riservata