Ancelotti: «A Liverpool non sarà una partita da bus davanti alla porta»

Ancelotti a Sky dopo Napoli-Frosinone: «Un plauso a chi è rientrato dopo tanto tempo, ad Anfield ho dei bei ricordi: ho vinto la Premier con il Chelsea».

Ancelotti: «A Liverpool non sarà una partita da bus davanti alla porta»

L’intervista a Sky

Carlo Ancelotti intervistato da Sky al termine di Napoli-Frosinone: «Queste sono partite-trappola, ci siamo già caduti contro il Chievo. Abbiamo iniziato bene, poi l’abbiamo gestita. Dietro questa prestazione ci sono tante cose positive, tra cui i nuovi che sono entrati prima. Ghoulam? Ho deciso di metterlo martedì. Un plauso a chi, come lui, è rientrato dopo tanto tempo. Hanno lavorato tanto, e ora finalmente sono pronti».

La partita di Liverpool: «Dobbiamo cercare di essere sereni, motivati, concentrati. Arriviamo ad Anfield con la giusta convinzione, i giocatori stanno bene. Qualcuno ha riposato oggi, ma anche chi ha giocato avrà modo di recuperare bene».

Ancelotti e il miglior attacco, in vista del gol da segnare a Liverpool: «È un segnale positivo, a Liverpool sarà una partita diversa. L’importante sarà avere un atteggiamento positivo, non siamo capaci di giocare diversamente. Come a Parigi o in casa contro lo stesso Liverpool, vogliamo controllare il gioco. Non sarà la partita giusta per mettere il bus davanti alla porta».

Il piano partita contro il Frosinone: «Cercavamo di fare una costruzione dei due centrali, aprire Ghoulam e allargare un po’ Hamsik. A volte partiamo coi tre centrali, ora abbiamo scelto una linea a due».

I ricordi col Liverpool: «Ho vinto e ho perso, ma ho dei bei ricordi di Anfield. Ho vinto la Premier col Chelsea su quel campo, per me è il più bello di tutti. Dopo il San Paolo, ovviamente».

ilnapolista © riproduzione riservata