Agnelli: «Cambiano le persone, resta inalterato il modello Juventus»

Le parole di Andrea Agnelli aoche ore dall’addio di Marotta: «Siamo pronti per le sfide globali che attendono la Juventus, vogliamo continuità col passato».

Agnelli: «Cambiano le persone, resta inalterato il modello Juventus»
Andrea Agnelli

Dopo l’addio di Marotta

Andrea Agnelli anticipa le novità dell’organigramma della Juventus. A poche ore dall’addio di Marotta, annunciato dallo stesso dirigente in diretta su Sky, il presidente bianconero ha chiarito che il modello della Juventus non cambierà: «Continueremo a poggiare il nostro business su tre pilastri: sport, ricavi e servizi. Cambiano le persone, non cambierà il nostro approccio: la Juventus continuerà a funzionare come oggi».

Fabio Paratici promosso a capo dell’area sport: «Le deleghe permetteranno al club di continuare il suo percorso, nel frattempo cambia qualcosa nei vari settori:  Ricci sarà responsabile ricavi, Marco Re si occuperà dell’area finanziaria. Fabio Paratici sarà il nuovo responsabile dell’area sport. Parliamo di gente che ha 45 anni, che è pronta e preparata grazie alla straordinario lavoro di Beppe Marotta e di Aldo Mazzia».

«La Juventus – ha concluso Agnelli – deve farsi trovare pronta per le nuove sfide globali. Abbiamo il compito di competere con società che al momento sono davanti a noi per fatturato, e non vogliamo tirarci indietro. Sappiamo perfettamente che la centralità della gestione dell’impresa Juventus passa per il campo, ma al fianco del campo sono molto importanti l’area dei ricavi e quella dei servizi. Vogliamo continuità assoluta con il recente passato».

ilnapolista © riproduzione riservata