Newcastle-Tottenham 1-2, tutto in 18 minuti: Benitez battuto da Vertonghen ed Alli

Newcaste coraggioso e sfortunato (due legni nella ripresa), Tottenham bello in attacco e poco sicuro dietro. Per i Magpies, momentaneo pareggio di Joselu

Newcastle-Tottenham 1-2, tutto in 18 minuti: Benitez battuto da Vertonghen ed Alli

Grande inizio a St.James Park

La seconda partita di Premier si gioca a St James’ Park, il Newcastle di Benitez ospita il Tottenham di Pochettino. Per gli Spurs, zero acquisti e zero cessioni al calciomercato, unico club di Premer ad aver mai compiuto questa impresa minimalista in una sessione trasferimenti.

La partita si apre in maniera scoppiettante: pochi secondi e gli Spurs sono già in vantaggio, il gol è di Vertonghen e viene convalidato con la Goal Line Tachnology. Corner, colpo di testa e palla entrata di pochi centimetri, poi ecco segnale al polso dll’arbitro e londinesi in vantaggio. Lo 0-1 dua pochissimi secondi, perché Joselu colpisce di testa su cross dalla destra di Ritche e fredda Lloris.

Gol immediato e reazione altrettanto immediata, ma servono solo pochi minuti perché il risultato cambi ancora: Aurier dalla destra, splendido cross in diagonale e perfetto inserimento di testa di Dele Alli. Il tocco del centroacampista inglese è dolcissimo e beffardo, palla in buca d’angolo e Newcastle di nuovo sotto.

Le occasioni fallite dai Magpies

Siamo al 18esimo, l’inizio è stato bellissimo. Però non porterà ad altre reti fino al 90esimo. Nonostante questa anmalia, il match resta e resterà vibrante, soprattutto per merito del Newcastle, vicino al gol in numerose occasioni. Con Diané in apertura di ripresa (palla sul palo), con il subentrato Rondon, palla sulla traversa dopo una deviazione di Vertonghen. In mezzo, un match equilibrato, con tanti capovolgimento di fronte. Anche il Tottenham va vicino alla terza realizzazione, con Sanchez nel primo tempo e con Ben Davies – il tiro del gallese viene bloccato da Dubrovka, portiere ceco dei Magpies.

Nel finale, apprensione per Yedlin, che poggia malissimo il ginocchio a terra ed è costretto ad uscire. Il fatto che abbia camminato sulla gamba infortunata lascia pensare che non sia niente di grave. St James’ Park pieno e bellissimo come al solito, tanti cori per Rafa Benitez e contro il proprietario Ashley, accusato di scarsi investimenti sul mercato. Anche l’anno scorso il clima era molto teso, nel Tynneside. Vedremo come andrà quest’anno. Per il Tottenham, soliti pregi e soliti difetti tra attacco (i pregi) e difesa (i difetti da correggere). Ma parliamo di una squadra immediatamente dietro le grandi favorite per il titolo. L’ha dimostrato anche oggi, ancora oggi.

ilnapolista © riproduzione riservata