Sassuolo-Napoli, la probabile formazione: Hysaj sì, Zielinski più di Hamsik

La nostra idea sulla formazione per il match contro il Sassuolo, sui ballottaggi e sulle possibili scelte in vista della sfida ai neroverdi.

Sassuolo-Napoli, la probabile formazione: Hysaj sì, Zielinski più di Hamsik

L’ipotesi del Napolista

Ci siamo. Sassuolo-Napoli è la pistola dello starter, da Reggio Emilia avrà inizio il rush finale che vale lo scudetto. La prima probabile formazione della squadra di Sarri è caratterizzata da due dubbi di natura “fisica”: Hysaj ed Hamsik non sono reduci da giorni facili, soprattutto il capitano slovacco (ne abbiamo scritto qui). Intorno alla loro presenza in campo ci sono dei dubbi sparsi, che affronteremo sotto. Per il resto, tutto confermato, titolarissimi al potere.

Hysaj – Maggio

Le ultime indicazioni spingono in direzione del terzino albanese. Che, ricordiamo, è stato vittima di una botta al ginocchio durante il match giocato contro la Norvegia, durante il break internazionale. Niente di grave nonostante gli allarmismi preliminari, l’ex Empoli si è allenato con i compagni ed è a disposizione di Sarri. Difficile pensare a un cambio, abbiamo assegnato il 20% di possibilità a Maggio per pura precauzione.

Zielinski – Hamsik

Il discorso su Hamsik è un filino più complesso. Ci sembra complicato un inserimento di Marek nella formazione iniziale di Sarri. La motivazione è semplice: vuoi per l’intervento alle tonsille, vuoi per il fastidio muscolare accusato contro il Genoa, le due settimane sono state caratterizzate da un lavoro in allenamento assente o comunque scarso. Anche in vista della parte finale di stagione, è più realistico immaginare una panchina (almeno iniziale) a Sassuolo e il ritorno da titolare contro il Chievo, dopo una settimana liscia e senza intoppi. Per questo, percentuali 60-40 in favore del polacco.

Dal punto di vista tattico, la scelta di Zielinski va letta in base a quelle che saranno le scelte di Iachini. In caso di ritorno al 4-3-3, con Berardi accanto a Babacar e Politano, la scelta/necessità di inserire Piotr potrebbe risultare decisiva. La sua capacità di offrire una soluzione alternativa alla regia offensiva di Hamsik, magari andando di più nello spazio e sugli esterni, potrebbe portare scompensi alle linee difensive di Iachini. In caso di nuovo utilizzo del modulo 3-5-2, i neroverdi tenderebbero ad essere una squadra prettamente difensiva: a quel punto, Zielinski dovrà essere più intelligente rispetto alle ultime uscite, garantendo un appoggio di qualità nel possesso piuttosto che inserimenti alle spalle degli avversari, che non sarebbero facili da intercettare causa alta densità.

ilnapolista © riproduzione riservata