Il mancato upgrade di Hysaj, l’unico calciatore del Napoli che ha arrestato la sua crescita

Il terzino albanese del Napoli non è ancora riuscito a mantenere le sue promesse della prima stagione, ma il tempo è ancora dalla sua parte.

Il mancato upgrade di Hysaj, l’unico calciatore del Napoli che ha arrestato la sua crescita
Elseid Hysaj / Photo Matteo Ciambelli

L’inizio

In un pezzo di Alfonso Fasano scritto a novembre 2015, si parlava così di Elseid Hysaj, terzino 21enne albanese da poco arrivato al Napoli:

Al suo arrivo, Hysaj si trovava, suo malgrado, a rappresentare il male assoluto. L’albanese era il passo indietro, l’empolizzazione selvaggia di una squadra che, con e attraverso lui, Valdifiori e lo stesso Maurizio Sarri, dichiarava – secondo alcuni – di voler studiare per la lotta salvezza.

Oggi Hysaj è, infatti e semplicemente, il miglior terzino possibile per questo Napoli. Difende, corre, sostiene. Ha solo 21 anni ed è stato pagato cinque milioni di euro. È un affare, in tutti i sensi possibili.

Hysaj confermerà queste sensazioni per tutta la sua prima stagione napoletana. Al termine della quale, Il Napolista scriverà che «ha i mezzi e le possibilità per puntare davvero ai top club». Poi arriveranno il rinnovo del contratto e la famosa clausola da 50 milioni di euro. Una cifra che oggi ci sembra eccessiva, fuori mercato, e che probabilmente lo è. Secondo Transfermarkt, il cartellno di Hysaj oggi vale 18 milioni di euro. Sono comunque tanti, probabilmente 30 al cambio con un’analisi più aderente al calciomercato di oggi. Però, come dire: quei famosi 50 non esistono più, da un bel po’. Tanto che, al termine dello scorso campionato, Il Napolista titolava così sul laterale basso albanese: “Hysaj, paradiso-inferno andata e ritorno: lo sviluppo accidentato di un talento”.

Oggi

Più che sul calciatore in questa stagione, il pezzo parla del calciatore nel futuro. E di un’incertezza che nasce dalla sensazione di una crescita interrotta. Ovvero: Hysaj non ha fatto upgrade rispetto al suo primo campionato a Napoli, anzi sembra aver addirittura alimentato i suoi limiti. La differenza con il processo di maturazione che sta(va) interessando Ghoulam è netta, percepibile, nonostante l’anagrafe favorisca di gran lunga l’albanese.

Come dire: Hysaj, rispetto a Ghoulam ma anche a tanti altri calciatori del Napoli (si pensi al caso eclatante di Mertens, ma anche a quelli di Koulibaly o Jorginho), ha arrestato il suo processo di miglioramento, di completamento. La sua dimensione non è esplosa, magari la verità sta nel mezzo tra il potenziale top player visto nel primo anno di Napoli e il calciatore di livello buono, ma non eccelso, che oggi gioca sulla fascia destra della difesa azzurra.

Concorrenza

Che gioca, sì. Gioca sempre. Anche questo, forse, è un punto fondamentale nella lettura del caso-Hysaj. Elseid, nelle sue due stagioni e mezzo a Napoli, si è praticamente ritrovato a non avere concorrenza. Christian Maggio, sua rima alternativa fin dal primo anno, ha riscoperto solo ultimamente la propria possibile utilità come esterno basso, la possibilità di entrare davvero nelle rotazioni. Tra l’altro, anche se non soprattutto a causa del legamento di Ghoulam. Prima, invece, il ruolo di laterale destro era avviluppato in un monopolio inscalfibile, con Hysaj titolare sempre e comunque.

Probabilmente, anche questa dimensione di intoccabilità non ha fatto bene a Hysaj, che almeno secondo noi ha vissuto un po’ la parabola di Rocky 3. Ricorderete, era il film in cui il pugile Balboa perde perché non ha più gli occhi della tigre, ovviamente uno stratagemma narrativo per identificare fame, grinta, voglia di vincere. Alla fine, ovviamente, Rocky ritrova gli occhi della tigre e vince.

Hysaj non è un fenomeno, probabilmente anche noi abbiamo esagerato a descrivere un futuro campione, se non assoluto almeno nel suo ruolo. Finora questa profezia è stata disattesa alla grande, Elseid non è un’incompiuta totale, resta un terzino affidabile con alcuni difetti – per esempio l’uno contro uno contro avversari di grande velocità e qualità nello stretto -, ma è lontano dal fenomeno che un po’ tutti avevamo intravisto. E da quei 50 milioni di clausola, una specie di sortilegio sul suo gioco e sulla sua carriera. Che, anche in virtù di certe cifre, pare proprio dover proseguire a Napoli. In attesa dei nuovi occhi della tigre, che del resto sono un’ipotesi praticabile. Hysaj compirà 24 anni a febbraio, il tempo è dalla sua parte.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. A me hysaj non mi è mai piaciuto. Mi sembra soprattutto fatichi a seguire le consegne, non mi è mai parso integrato nel gioco di sarri. Oltretutto ha limiti evidenti in marcatura. È per me un mistero che ancora non si sia pensato a sostituirlo.

  2. per me la mancanza di concorrenza è anzi uno stimolo a rendere un giocatore più tranquillo. la concorrenza lo rende ansioso, e un giocatore ansioso è inaffidabile.

  3. Ahahah ma se quest anno attacca il doppio dell anno scorso ovvio che a sx è in difficolta col piede nn suo ma se metti ghoulam a dx che succede? Non è lo stesso? Di ambidestro conoscevo solo maldini inoltre nn sará mai un top player ma un ottimo terzino si

    • Diego della Vega 9 Dicembre 2017, 19:07

      A me sembra in difficoltà esattamente come a destra. Soprattutto con gli esterni avversari veloci e tecnici. Paradossalmente è più efficace Maggio che rimedia all’usura del tempo con una grande intelligenza tattica.

  4. Diego della Vega 9 Dicembre 2017, 13:15

    È un discreto terzino che farebbe la panchina in tutte le prime 6 squadre della serie A (o la tribuna). I nostri esterni bassi sono un punto debole evidente.

    • in Juve, Inter e Lazio sarebbe Titolare forse solo a Roma no, ma se la giocherebbe, nel Milan e la Samp non ne parliamo neanche, se poi per te non è così leggi i nomi dei terzini di queste squadre e dimmi con quale tra De Sciglio, Lirchtsteiner, D’Ambrosio, Basta o Marusic o Patric, faresti a cambio, parlate sempre a vanvera c’è poco da fare

      • Diego della Vega 9 Dicembre 2017, 19:04

        ?? Che simpatico umorista. Del napoli nessuno sarebbe titolare nella Juve a parte Hamsik, Koulibaly e forse Insigne. Liechtsteiner vale 13 Hisay. La Juve sulle fasce ha 200 opzioni e sta mettendo in panchina Alex Sandro. Tu in quale mondo vivi?

        • Hamsik fino a Marzo nenache nel benevento sarebbe titolare, finora in 25 partite ha ricevuto al max 2 sufficienze. Insigne oggi come oggiè titolare indiscusso in tutte le squadre come KK. Sandro è terzino sinistro, quindi evidentemente non sai di cosa parli, a destra c’è Barzagli, Desciglio e Litchsteiner, dimmi chi vorresti dei 3 al posto di Hysaj, nell’inter c’è D’ambrosio e Cancelo (non pervenuto al momento), per l’inter c’è Basta, Marusic e Patric. Allora chi vorresti di questi al posto di Hysaj? fammi capire, se deliri così al naturale o ti dopi per scrivere queste perle

      • Raffaele Sannino 9 Dicembre 2017, 19:11

        Non parlano a vanvera,sono ben consapevoli di quello che scrivono.Lo scopo è (come al solito)screditare l’operato della società.

        • mi h detto che Sandro è un terzino destro, non so se davvero crede nelle sciocchezze che scrive, ma neanche controllare così anche solo per curiosità, non ho parole

  5. E’ un pò come il caso dei dipendenti pubblici che, delle volte, sapendo di essere intoccabili, lavorano in maniera blanda e senza voglia. Lui, insieme ad Hamsik, meriterebbe un pò di panchina. SOno sicuro che gli farebbe bene al corpo e alla testa.

  6. Sono stato l’anno scorso un severo critico di hysaj, quest’anno però mi sembra tornato ai livelli della prima stagione. Resto convinto che in certe gare è meglio avere uno più marcatore come sta accadendo con Maggio, ma grandi svarioni come l’anno scorso non ne ho visti. Articolo un po’ ingeneroso devo dire.

  7. Avevo dei dubbi su questo giocatore albanese mai svaniti. Maggio e lui siamo davvero messi male senza contare su Rui, che non ce la fa nemmeno a correre dietro il suo avversario.

  8. Quest anno sta facendo il suo dovere………..mi sembra superfluo quest articolo.
    La verità è che questa squadra e soprattutto quest allenatore, hanno sempre vinto partite che contavano relativamente.
    Nel momento decisivo si sono sempre sciolti come neve al sole.
    E anche quest anno sembra ripetersi la stess storia.
    Più che limiti tecnici ci sono limiti. Caratteriali.
    E occhio alla Fiorentina, è fresca ed in forma…….noi un po’,bolliti.
    Bisogna scendere in camp con il primo obiettivo quello di non prendere gol…….altrimenti

    • Ciò che tutti gli appassionati di calcio possono comprendere se non accecati dall’ideologia è che il Napoli è fatto di 7-8 ottimi calciatori, un paio di buoni calciatori (tipo Husay) e forse un campione (Insigne). Con questo mix si può sperare di vincere qualcosa solo se il sistema di gioco ideato da Sarri gira. Senza quel sistema di gioco, questa squadra è al livello della Lazio. Juve, Roma e anche Inter (nell’11 titolare) ci sono superiori. E scordatevi che i vari Guaccherini, Churiches, Tonelli, Ounas siano sostituti all’altezza

      • Raffaele Sannino 9 Dicembre 2017, 19:09

        Sarri trasforma l’acqua in vino e i nostri giocatori sono scarsi.Le stesse cose che leggevo quando c’era Mazzarri,che non a caso,si sentiva sprecato a Napoli.Se ne andò per iniziare la sua fulgida carriera ,sappiamo come è finito.Sono curioso di vedere i miracoli che il santone di Figline realizzerà, quando firmerà il contratto (ammesso qualcuno glielo offra) che lo renderà ricco.

  9. Francesco Porciello 9 Dicembre 2017, 8:49

    In particolar modo quando ha davanti un giocatore veloce mi sembra veramente in difficoltà

  10. condivido. Non sono sicuro del perchè della sua curva di rendimento, la mancata concorrenza è una possibilità ma secondo me c’è dell’altro, e probabilmente anche il fatto che la squadra è molto cresciuta nel palleggio e lui è rimasto se stesso. Non è esattamente un piedino fatato, ecco.

  11. Roberto Losanno 8 Dicembre 2017, 20:31

    Nn voglio fare il professore ma a me un aspirante top player nn mi é mai sembrato. Il Napoli a contrario di quello che scrivi di top player nn ne ha nemmeno uno. Alcuni sono buonissimi giocatori, altri (la metà o poco meno) sono giocatori discreti e in alcuni casi normali. Il miracolo vero sarebbe vincere qualcosa con questa rosa. Chi mai ci riuscisse sarebbe da beatificazione istantanea, di diritto nell Olimpo del calcio. Il Napoli scudetto aveva una grande squadra e un fuoriclasse assoluto. Questa di oggi è una buona formazione, niente di più

  12. Che pezz esilarante………..ma che siete bevut???????

    • Diego della Vega 9 Dicembre 2017, 13:17

      È il giocatore tecnicamente più scarso della rosa.

      • Zorro, da condividere in toto. Se lo metti davanti alla porta per puro miracolo li nemmeno segna con quei piedi di gesso che ha. Troppo scarso per il Napoli e Giuffredi che si lusinga al Barcellona ma aiz.

  13. Guagliù, non scherziamo. Husay è un terzino discreto, nulla di più. Ed è uno dei limiti attuali si questo Napoli, perché in copertura ha sempre bisogno di Callejon che gli faccia la balia

Comments are closed.