Il ministro per il Mezzogiorno De Vincenti boccia stadio e cittadella del Napoli a Bagnoli

In un forum al Mattino, respinge il progetto di De Laurentiis: «Il progetto è incompatibile con il parco urbano, la priorità sono i cittadini»

Il ministro per il Mezzogiorno De Vincenti boccia stadio e cittadella del Napoli a Bagnoli
L'area ex Italsider a Bagnoli

Incompatibile con il parco urbano

Stadio e cittadella del Napoli a Bagnoli? Abbiamo scherzato. Lo ha detto il ministro per il Mezzogiorno Claudio De Vincenti non corso di un forum al quotidiano Il Mattino. Il docente di Economia politica ha parlato di Bagnoli e quando il discorso è caduto sul progetto del Calcio Napoli per l’area, ha risposto così:

A De Laurentiis mi tocca ricordare che l’ipotesi di costruire lì lo stadio e la cittadella del Napoli, nei termini in cui l’ha presentata è incompatibile con il parco urbano definito nei piani, e che adesso ha anche il consenso del Comune. Quando guardiamo Bagnoli, dobbiamo guardare innanzitutto ai suoi abitanti. Il Napoli può pensare comunque di usare le strutture sportive previste nell’area.

De Vincenti ha illustrato il progetto, addirittura ha detto che spazi verdi – già massicci nella prima versione, aggiungiamo noi – sono stati ampliati e sono state previste “attività orientate a scienza, innovazione ed economia del mare, dalla pesca al turismo, ad attività avanzatissime sul piano tecnologico come il monitoraggio e la tutela dei nostri mari”. De Vincenti ha definito bella e significativa la proposta lanciata da Renzi nel suo libro di candidare Napoli per le Olimpiadi del 2028.

ilnapolista © riproduzione riservata