Maglia senza sponsor addio, il Barca agli arabi

L’ultima maglia immacolata si prepara ad accogliere una scritta commerciale nel petto, e suona già come un colpo al cuore. Il Barcellona per la prima volta avrà uno sponsor sulla maglia blaugrana, che affiancherà quello tradizionale (e benefico) dell’Unicef.
L’accordo è stato siglato con Qatar Foundation e porterà ogni anno nelle casse dalla società catalana 30 milioni di euro. Ovviamente, è un record assoluto anche questo, forse la cifra più alta mai incassata da una società di calcio.
La filosofia “no logo” del Barcellona era già stata violata nel 2006, ma per nobili ragioni. Il club catalano, infatti, gratuitamente, aveva sposato la causa dell’Unicef. Anche se in precedenza, il presidente blaugrana Laporta aveva convinto gli azionisti a far inserire un marchietto (quello della tv catalana) sulle maniche, in posizione discreta. Quasi invisibile.
L’annuncio è stato dato oggi dal vicepresidente economico del club, Xavier Faus, che ha motivato la scelta con le «difficoltà economiche» in cui si trova la società. «Se non avessimo trovato il debito, non avremmo firmato il contratto», ha spiegato Faus, facendo riferimento ai bilanci in rosso della precedente gestione di Joan Laporta.
Pino Taormina (da Il Mattino.it)

ilnapolista © riproduzione riservata