Camillo Ciano, il bomber che piace a Zeman

Si chiama Camillo Ciano, ha 20 anni, è marcianisano ed è il bomber della squadra primavera del Napoli. Mancino puro, associa ad un ottimo piede un’intelligenza tattica fuori dalla norma e un fisico reattivo ed esplosivo. Si intende a meraviglia con i compagni di reparto e il suo lavoro di “sponda” è importantissimo per la squadra. Ieri a Folgaria tre gol di buona fattura ed un futuro luminoso dinanzi a sé. Piacque tanto anche ai giornalsti di Sky che lo intervistarono un anno fa nella trasmissione “Spaccanapoli” dove raccontò il suo essere un ragazzo normale: “la mattina mi sveglio e vado a scuola, torno, un rapido pranzo, allenamento, torno a casa, dormo, mangio, esco con gli amici ecc…”. Il Corriere dello Sport Stadio lo ha inserito tra i 20 gioiellini della Serie A dal successo sicuro. Una passione di famiglia quella del calcio. Suo fratello, Michele di 4 anni più grande, gioca titolare nella squadra del Real Marcianise. Camillo ha iniziato a tirare i primi calci nella Scuola Calcio della Vernal e poi è passato al Napoli rifiutando proposte della Juventus, della Roma , del Padova e del Brescia. Lo scorso anno, dopo aver cominciato con la Primavera, il Napoli lo ha mandato a Lecco a farsi le ossa preferendogli tal Jimmy Hoffer nel ruolo di quarta punta.
Nonostante una stagione di crisi preannunciata per la società, l’attaccante campano a Lecco segna una doppietta all’esordio in Coppa Italia di C nel 5-3 contro il Pavia (doppietta anche dell’altro ex-primavera napoletano in prestito al Lecco Giannone).
Ciano non si ferma più: va a segno nella vittoria esterna contro il Pro Patria in un azione di contropiede, punisce con una doppietta da bomber puro la debole difesa dell’Alessandria, l’ultimo dei gol lo segna a novembre: un gol da 3 punti contro il Pergocrema. Beppe Galli, il suo procuratore, lo dipinge così: “Puo’ fare la mezzapunta e l’attaccante, ha una tecnica sopra la media, sui calci piazzati mette la palla dove vuole. Chiaramente deve crescere dal punto di vista atletico”. Il suo mancino è terrificante e lo rende pericoloso da ogni posizione, sia con traiettorie potenti sia ad effetto. E’ una prima punta fisica, che gioca e fa giocare con le sue sponde e sfrutta notevolmente il suo fisico. Lo stesso Ciano ha dichiarato di voler crescere nel gioco palla al piede, con un pò più di freddezza può essere il nuovo Quagliarella. Su di lui ha già messo gli occhi Zdnek Zeman che vorrebbe portarlo a Foggia nella nuova edizione di Zemanlandia.

ilnapolista © riproduzione riservata