Fred, il bomber brasiliano
dal carattere difficile

Il suo nome completo è Frederico Chaves Guedes, in arte Fred, 27 anni il prossimo 3 ottobre. E’ un cecchino dell’area di rigore ed ha sempre segnato, in qualsiasi squadra. Sarebbe lui il bomber cui il Napoli avrebbe messo gli occhi per sostituire Denis, sempre più vicino all’Udinese.  Sulle doti del bomber brasiliano è pronto a scommetterci Careca: “Fred ha tutto: fisico, tiro ed è un attaccante che segna con grande continuità”.
E’ alto 185 cm per 75 kg, è una prima punta è in carriera ha sempre fatto gol. Nel Fluminense, la sua ultima squadra, ha realizzato 38 reti in 52 partite.  Ha un primato: ha segnato il gol più veloce del calcio brasiliano, con la maglia dell’America Mineiro impegnata contro il Vila Nova in una partita valida per la Copa San Paulo. Dopo 3’’ e 17 centesimi dal fischio d’inizio con un tiro da centrocampo ha beffato il portiere ospite.
E anche in Nazionale ha realizzato un gol in amichevole dopo 83 secondi sfruttando un assisti di Robinho. Forte di testa e abile con entrambi i piedi, dopo le esperienze brasiliane con l’America e il Cruzeiro 74 gol in quattro anni, nell’agosto del 2005 è passato al Lione per 15 milioni di euro. Nella prima stagione realizza 14 reti in 30 presenze (9 partendo dalla panchina). Nelle altre due stagioni in Francia, però, non trova molto spazio a causa di scelte tecniche ed infortuni.
Ritorna in Brasile, al Fluminense, dopo essersi svincolato dal Lione nel febbraio del 2009. Contratto di 5 anni con il club brasiliano e ancora valanghe di gol.  Con la Nazionale ha vinto la Copppa America nel 2007 in Venezuela. In totale con la maglia verde oro ha collezionato nove presenze e quattro reti. Di certo, non deve avere un bel caratterino, visto che ha cambiato ben quattro squadre in pochi anni e sembra che non sia morbido e dai facili eccessi fuori dal campo. Costo del cartellino 7-8  milioni di euro. Ha un contratto con il "Flu" fino al 2014 e ingaggio contenuto: 2 milioni di euro. L’operazione si può fare.

ilnapolista © riproduzione riservata