Per le radio romane c’è solo il derby: è come se il Napoli non esistesse

Le emittenti che si occupano h24 della Roma, un fenomeno unico in Italia, sembrano snobbare l’impegno di domani. E parlano di Lazio, Spalletti e del suo futuro.

Per le radio romane c’è solo il derby: è come se il Napoli non esistesse

Un fenomeno unico

Alla vigilia di ogni partita contro la Roma il mio passatempo preferito, da emigrato nei dintorni della capitale da ormai oltre 20 anni, è ascoltare le radio romane nella settimana precedente la partita. È un fenomeno unico in Italia, una radio che, h24, si occupa esclusivamente della squadra di calcio. Le ho sintonizzate a casa e in macchina. Non mi perdo una battuta. Vero è che il 50% del tempo è occupato da pubblicità lunghissime e noiosissime, e non di rado capita che durante lo zapping tutte siano impegnate negli spot, ma capire qual è il polso e lo stato d’animo della tifoseria è un passatempo imperdibile. Ed è divertente soprattutto sentire cosa dicono di te, se ti temono, se ti sottovalutano.

Questa volta mi sono divertito di meno. Di Roma-Napoli non si parla, quasi non esistesse. La presenza di un derby, per di più perso, a metà settimana, ha convogliato tutta l’attenzione su quella partita, sia prima che dopo. Un non romano non capirà mai, e confesso che anche io ancora non l’ho capito, perché il derby è più importante di uno scudetto, ma tant’è. Neanche quello che dice Riccardo, uno dei conduttori storici di una delle emittenti, mi risulta comprensibile. “Ma che ce frega di Fiorentina, Juve, Inter, Milan e Napoli. I miei nemici sportivi sono i laziali”, ma poi aggiunge, “non è che li prendo a sprangate quando li incontro”, e meno male.

Cosa pensa il tifo giallorosso

Dunque da due giorni nelle radio romane, che hanno un filo aperto continuo con le telefonate dei tifosi, non si parla d’altro. Potevo capire che questo accadeva ieri, il postpartita dopo una sconfitta è sempre assai doloroso, e questo lo è particolarmente, ma oggi, vigilia di una sfida fondamentale per il secondo posto e per il ruolo di antiJuve francamente mi è assai più incomprensibile. Gli argomenti principali, tra ieri e oggi, da cui nascono discussioni fiume, sono in ordine di rilevanza:

  1. Spalletti non è l’allenatore adatto per questa squadra perché fa poco turnover, meno male che forse va all’Arsenal o al Tottenham ma lo cerca anche la Juve
  2. Spalletti è l’allenatore adatto per questa squadra e fa poco turnover perché la società non gli ha comprato riserve adeguate, speriamo non vada né all’Arsenal né al Tottenham né tanto meno alla Juve.
  3. Nainggolan è stanco e deve rifiatare, meglio che salti una delle prossime partite.
  4. Nonostante Nainggolan sia stanco lo voglio in campo sempre perché non c’è nessuno in grado di sostituirlo.
  5. Totti doveva entrare prima. Quando non ci sono romani in campo il rendimento della squadra cala. Il Capitano (qui lo chiamano solo così) ha giocato solo 5 minuti e De Rossi era fuori. Con Florenzi infortunato uno dei due deve esserci sempre.

E il Napoli?

Tutte queste considerazioni, infarcite assai spesso da turpiloqui più o meno pesanti, non vengono fatte in considerazione della sfida di domani ma come disamina della sconfitta nel derby. Insomma, ci stanno snobbando. Parlano più del ritorno di coppa Italia con la Lazio che della gara di domani. E un tifoso più presuntuoso degli altri arriva a dire: “Se avesse vinto la Roma 2-0 sulla Lazio il discorso qualificazione sarebbe già chiuso, ma poiché hanno vinto loro ci basta il 3-0 per arrivare in finale”. Applausi da studio. E il Napoli? Delle tre sconfitte nelle ultime quattro partite? Che ne pensa il tifoso medio romanista? Boh.

In due giorni soltanto in un intervento telefonico qualcuno ne ha parlato: “Voglio ricordare che domani c’è una partita importante. Se vinciamo andiamo a più otto, ma voglio anche sottolineare che la sconfitta con quelli è tutta colpa del tecnico. Nell’intervallo doveva fare almeno due cambi, Nainggolan era stanco, è meglio che Spalletti va alla Juve così la indeboliamo”. E’ stato quello il momento in cui ho spento. Non mi divertivo più.

Maurizio Sansone ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • Luigi Ferrara

    Vivo a Roma e ho un gusto perverso per le radio romane . Ovviamente le ascolto solo quando perdono per farmi due risate acopp. Lungi da me credere che le nostre radio e i nostri tifosi siamo migliori ma il numero impressionante di radio laziali e romaniste porta il livello delle varie discussioni inevitabilmente al ribasso. Non oso immaginare Napoli dilaniata da un derby cittadino . Tutto questo per dirvi che ieri sera Italo Cucci, Ivan Zazzaroni, Furio Colombo e un altro tizio parlavano del clima ostile che si respira a Napoli, Zazzaroni teme per l’incolumità della Juve e del Real in terra campana . I giornalisti Rai sono in pericolo, il Real Madrid ha scelto un albergo super blindato con una nofly zone di non so quanti metri. La Juve sarà scortata dall’Esercito ecc ecc ecc. Poi oggi leggo che il Real alloggerà incredibilmente a via Carbonara !!!!! Ma i giornalisti sanno che vengono pagati per esprimere opinioni e non diffondere odio e tensione? Ma sopratutto ognuno dei signori di ieri sera sa che si prendono troppo sul serio? lo sanno che il loro lavoro non è indispensabile all’umanità? Se Zazzaroni non andasse più in tv radio o twitter ci sarebbero persone che scenderebbero in strada dandosi fuoco?? Non credo.

    • vincy

      Hai visto come é stata “sgamato” cruciani?

      Non sarebbe cosa buona e giusta fare una petizione da parte del comune di Napoli per calunnia?

      Zazzaroni etc. Ricevono minacce da tutti i becerii tifosi ma su Napoki é facile fare casino.
      Mi sbaglio o il tifoso morto é stato a Roma?

    • Il Boemo

      E Zazzaroni continua a condurre trasmissioni qui a Napoli…

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.