Sarri e la questione della “penale”: otto milioni (per Bargiggia), più bassa per il Corsera

Le prime ipotesi su un’eventuale separazione Sarri-De Laurentiis. Il contratto sottoscritto in primavera prevede delle clausole d’uscita.

Sarri e la questione della “penale”: otto milioni (per Bargiggia), più bassa per il Corsera
Sarri mentre dirige un allenamento del Napoli (foto Cuomo)

Step successivo

Dopo la polemica post-Madrid, c’è un passo obbligato: la discussione sul futuro di Sarri. Che, comunque, anche in passato ha vissuto altri momenti di attrito con De Laurentiis. Flash di incomprensione che sono stati superati, anche se l’impressione è quella di una convivenza comunque difficile. Detto questo, qual è davvero la situazione? Il rinnovo firmato al termine della scorsa stagione ha in qualche modo legato davvero Sarri al Napoli. Fino al 2020, sarà molto difficile una risoluzione unilaterale del contratto, anche a causa di forti penali che dovrebbero essere pagate dalle parti in causa.

Eppure, si discute proprio sull’entità di queste penali. Da una parte c’è Paolo Bargiggia, che su Twitter spara una cifra abbastanza alta (8 milioni). Dall’altra parte c’è un pezzo del Corriere della Sera, che sostiene come nel 2018 l’eventuale somma da pagare sia sensibilmente più bassa. Ma solo nel 2018. Ovviamente, nessuno può confermare i dettagli precisi dell’accordo. Quindi, sono tutte ipotesi o supposizioni su soffiate varie. Vedremo nei prossimi tempi, quale sarà il rapporto tra presidente e allenatore.

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • giancarlo percuoco

    Grazie presidente.

  • White Shark

    Ovviamente anche oggi il 90% delle notizie sul Napoli riguardano gli attriti, i retroscena, i si dice, gli ho una fonte sicura su Sarri e ADL. Il tutto da gente che del Napoli non parla mai se non quando ha la possibilità di infierire. Che dire? Ottima l’amore scelta del silenzio stampa. Strategicamente perfetta. A questo punto proporrei anche il ritiro monastico a castelvolturno tipo quello imposto a Benitez. Che ci vuole? Ricordiamo tutti poi la stagione come finì. Napoli Lazio…e addio sogni di gloria. Parlano tutti. Bargiggia (mah); Orsi (ma chi perde il tempo ad intervistare un ex laziale che non ha mai avuto a che fare con noi ma che oggi puntualmente compare su alcuni siti che parlano di Napoli); Sconcerti (pacato, per carità ma ondivago come un papavero in in campo in una giornata ventosa); Modugno (fa il suo lavoro e porta a casa la pagnotta ma con quelle smorfie da piacione quella bocca a cu.. di gallina e i deprofundis che recita ad ogni collegamento, necessita di dosi massicce di gratatio pallorum. Ugolini pur non essendo napoletano al suo confronto sembra un irriducibile delle curve); e tutta la stampa da Roma in su (compreso il Mattino di…..Roma).
    Bella mossa Aurè, non c’è che dire. Riflettendoci un po’ non credo che la tua uscita sia stata frutto della partita, dei cambi (Pavoletti? Ma famm ‘o piacer). Credo che tu stessi aspettando l’occasione giusta per punire Sarri del suo abbraccio al Caino. Proprio non l’hai digerito. Giusto?

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando su “Accetto”, scollando o cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.