Stupro, lo Spiegel pubblica la prima versione di Ronaldo ai suoi avvocati

La testata tedesca non molla la presa, evidenzia le differenze tra le versioni fornite da Ronaldo e pubblica nuovi dettagli della notte di Las Vegas.

Stupro, lo Spiegel pubblica la prima versione di Ronaldo ai suoi avvocati

Il nuovo articolo dello Spiegel

Torna d’attualità la vicenda Ronaldo-Mayorga. Il fuoriclasse portoghese della Juventus è stato accusato di stupro da una donna americana per un incontro sessuale avvenuto a Las Vegas nel 2009. Il primo reportage dello Spiegel ha portato alla riapertura delle indagini nel Nevada. Ieri, il quotidiano tedesco ha pubblicato un nuovo pezzo in cui ricostruisce tutte le versioni del caso secondo lo stesso Ronaldo. Nel frattempo, scrivono sempre dalla Germania, gli investigatori a Las Vegas continuano il loro lavoro sul caso. Le notizie sono state riportate da L’Equipe, dalla Gazzetta dello Sport e dal Corsera. I due giornali italiani si sono limitati a brevi trafiletti (la Gazzetta) e a un breve segmento di un articolo “calcistico” su Cristiano (Corsera).

La traduzione del nuovo articolo dello Spiegel: «Ronaldo continua a negare le accuse della Mayorga. Tuttavia, c’è una cosa che è fuori discussione: il calciatore ha pagato una grossa somma di denaro per tenere segreta la vicenda. La stessa cifra è stata pagata perché Kahtryn non aiutasse la polizia nelle indagini di nove anni fa. Esiste però anche un documento confidenziale da cui si può dedurre che Ronaldo ha ammesso ai suoi avvocati di aver fatto sesso con Kathryn Mayorga contro la sua espressa volontà. Der Spiegel è in possesso di questo documento e di centinaia di documenti aggiuntivi, la maggior parte dei quali proviene dalle informazioni sulla Football Leaks. Mostrano come una squadra di avvocati è riuscita a mettere a tacere Kathryn Mayorga nove anni fa».

La nuova azione giudiziaria

«Alla fine di settembre, l’ex modella di Las Vegas ha reso comunque pubbliche le sue accuse. Nelle sue testimonianze al nostro giornale, ha riferito la sua versione di ciò che è accaduto nel 2009 e di quanto l’incidente l’abbia traumatizzata. Ha detto di non essere mai stata in grado di andare oltre l’evento e di ritrovare la pace interiore. Inoltre, la Mayorga ha intentato una nuova azione civile contro l’attaccante della Juventus. Il suo nuovo avvocato crede che l’accordo di non divulgazione da lei firmato tanti anni fa non sia giuridicamente vincolante e afferma che la donna non era stata legalmente competente al momento della firma. Dal canto suo, il team legale di Ronaldo ha costantemente cercato di impedire qualsiasi copertura mediatica relativa al caso. Più di recente, uno dei suoi avvocati dei media ha chiesto un’ingiunzione preliminare contro lo Spiegel. Senza successo».

«Il nuovo legale di Ronaldo a Las Vegas afferma che i documenti citati dal nostro giornale sono stati evidentemente “rubati dagli hacker, e alcune parti significative di essi sono state alterate e/o completamente inventate”. Tuttavia, non ha offerto alcuna prova a sostegno di tale affermazione, né ha presentato dichiarazioni giurate da parte degli avvocati che erano coinvolti in quel momento – o da Ronaldo. Ora sono emersi nuovi dettagli, che mostrano quale degli avvocati di Ronaldo – e in quale momento – ha creato o rivisto quale documento; quando sono state apportate tali modifiche; a chi è stato inviato il documento. Questi documenti potrebbero essere decisivi per l’indagine della polizia in corso perché indicano come Ronaldo sia stato visto quella notte a Las Vegas».

Il questionario

«Il documento chiave è un questionario di 27 pagine sviluppato dagli avvocati di Ronaldo per avere un’idea di ciò che è successo il 13 giugno del 2009, nell’Hotel Palms Place di Las Vegas. Un mese dopo, l’avvocato londinese di Ronaldo Simon Smith ricevette un messaggio che una donna negli Stati Uniti aveva accusato Ronaldo di stupro. Quasi immediatamente, attorno alla superstar si è formata una squadra legale altamente professionale. Oltre a Smith a Londra, il team legale comprendeva anche lo studio legale Lavely & Singer a Los Angeles, l’avvocato difensore Richard Wright a Las Vegas e l’avvocato Carlos Osório de Castro a Porto. Quest’ultimo è uno dei consulenti più vicini a Ronaldo ed è incaricato di negoziare i contratti del giocatore».

«Il 3 agosto 2009, l’avvocato della California Jay Lavely ha preparato un pdf di 41 pagine con il titolo: “Domande per il cliente”. Il giorno dopo, lo ha inviato ai suoi colleghi Smith e Osório de Castro. In una mail, lo stesso Lavely ha messo in guardia tutti sulle modalità con cui Ronaldo compilasse personalmente il questionario: “È molto importante che tutte le persone non scrivano appunti, note, e-mail nel rispondere a queste domande. Qualsiasi cosa scritta potrebbe essere utilizzata per avviare un’azione legale”».

Le differenze tra le due versioni

Da qui in poi, lo Spiegel ricostruisce tutto lo scambio di mail che ha portato alla scrittura della prima versione di Ronaldo. Ci sono delle parti chiare, ad esempio un avvocato dello studio legale Francisco Cortez scrive: «Volevo solo sapere come tradurre dal portoghese i termini ‘bola de cuspo’ e ‘toca-me ao bicho’». Le traduzioni letterali, secondo lo Spiegel, sarebbero “saliva” e “ha toccato il mio uccello”. Ci sono anche degli screen, come questo:

«Trascorsero tre mesi, durante i quali gli avvocati di Ronaldo cercarono di raggiungere un accordo extragiudiziale con Kathryn Mayorga. Il tempo era essenziale, perché poche ore dopo l’incontro con Ronaldo, la giovane donna era andata alla polizia e le sue deposizioni erano state raccolte. Solo che non era ancora uscito il nome del presunto colpevole. Aveva paura di fare nomi, dice Kathryn. Alle 13:55 del 24 dicembre 2009, Osório de Castro ha inviato un documento con il titolo “TQuestionsv2 ITA.doc”. I destinatari erano Jay Lavely, una collega di Lavely e i due avvocati Rendeiro e Cortez. A prima vista, l’allegato sembra essere il questionario di settembre. Ronaldo è identificato come “X”, mentre Mayorga viene indicato come “Ms. C.” Anche le domande sono le stesse. Ma le risposte di Ronaldo non sono nemmeno vicine allo stesso, come dimostra un confronto diretto tra le due versioni».

Le differenze tra le due versioni: «Domanda: “Che cosa è stato detto da te e cosa è stato detto dalla signora C? (È una domanda particolarmente importante, per capire se sono state dette parole sul sesso o qualcosa del genere)”. Nella versione di settembre, X dice: «Ha detto che non era appropriato fare sesso, dato che si erano appena incontrati (‘Meglio di no, è la prima volta.’) Ma anche così, ha afferrato il mio uccello”. Nella versione di dicembre, tuttavia, la risposta di X era semplicemente: “Ha afferrato il mio pene”».

Cosa è successo nella stanza

«Domanda: ” Descrivi in ​​dettaglio cosa è successo a partire dal primo contatto fisico che hai avuto con la signora C nell’altra stanza e descrivi la sequenza di eventi riguardo a qualsiasi contatto fisico e coinvolgendo qualsiasi abbraccio, carezza, bacio o atto sessuale, ovunque si sia verificato”. Risposta di settembre: “L’ho scopata da un lato, lei si è resa disponibile, era sdraiata su un fianco, a letto, e io l’ho presa da dietro. Non abbiamo cambiato posizione. È durato circa sette minuti. Lei ha detto detto che non voleva, ma si è resa disponibile. Tutto il tempo è stato duro, l’ho girata su un fianco, ed è stato veloce. Forse ha avuto dei lividi quando l’ho afferrata. Non so più esattamente quello che ha detto, ma ricordo che continuava a dire di no. Io rispondo: ‘Non sono come gli altri’ E in seguito mi sono scusato”»

Lo Spiegel scrive: «C’è poi un altro passaggio molto importante, raccontato in terza persona. Forse l’avvocato di Ronaldo l’ha scritto per lui: “Non hanno usato il preservativo, non hanno parlato di preservativi, non è venuto dentro di lei, ha tirato fuori il suo cazzo prima. Sono venuto su di lei e poi sulla coperta, non c’era lubrificante, ho usato la saliva. Non sa se ha avuto un orgasmo“».

5/7 minuti

«Nella versione di dicembre, la ricostruzione cambia: “Era sdraiata sul letto, io sono andato da dietro, non abbiamo cambiato posizione, sono stati 5/7 minuti, è stato duro, non si lamentava, non gridava, non ha chiesto aiuto o qualcosa del genere. Non abbiamo usato preservativi, non ne abbiamo nemmeno parlato. Non sono venuto dentro. Vengo ‘su di lei’ (non ‘in lei’) e sulle coperte Non c’era lubrificazione artificiale, ho usato della saliva, non so se ha avuto o meno un orgasmo “».

«Ci sono diverse incongruenze tra le due risposte. Nella prima si legge che lei ha detto più volte di no, e si è anche fermata durante il rapporto. A dicembre è una parte che scompare. Nella versione di settembre lui riporta delle parole di Kahtryn: “Stronzo, mi hai costretto, idiota”. A dicembre, queste parole scompaiono». Sotto, gli screen dello Spiegel:

Le differenze tra le parole di Cristiano e quelle di Kathryn

«Ci sono anche delle discrepanze tra questa versione e la storia di Mayorga. Ad esempio, lei non conferma di aver toccato il pene di Ronaldo con le mani. Lui dice di sì».

«In risposta a una richiesta di commento inviata dallo Spiegel in merito alle differenze significative tra i due documenti, gli avvocati portoghesi di Ronaldo hanno dichiarato che sostenendo “parti significative dei documenti” erano “alterate e/o completamente inventate”. Sembra che gli avvocati portoghesi non abbiano inoltrato la versione di settembre del questionario ai loro colleghi negli Stati Uniti. Ciò non significa necessariamente che il team legale degli Stati Uniti non fosse a conoscenza dei contenuti».

«C’erano, dopo tutto, frequenti teleconferenze e incontri faccia a faccia. In una e-mail successiva a Osório de Castro, Lavely si riferì a una discussione che aveva avuto con l’avvocato difensore di Las Vegas, Richard Wright. Secondo quell’e-mail, Wright aveva detto “che potrebbe essere fino a 50/50 possibilità” se Ronaldo fosse perseguito. E: “Sembrava certamente che Rick fosse preoccupato anche in base a ciò che il cliente stesso aveva descritto riguardo a ciò che accadeva tra lui e Kathryn in camera da letto”».

L’accordo extragiudiziale

«Il 26 settembre, Lavely invia una e-mail a Osório de Castro riguardo alla transazione extragiudiziale che stanno cercando di raggiungere con Kathryn Mayorga. Lavely insiste nel prendere severe misure di sicurezza, esortandolo a “non fare nessuna copia di nessuno di questi accordi”. Tali accordi, naturalmente, dovrebbero essere tenuti segreti per la loro stessa natura. Ma l’estrema cautela potrebbe anche aver avuto a che fare con il fatto che gli avvocati di Ronaldo erano consapevoli di quanto fosse sensibile il loro approccio, perché uno degli obiettivi era quello di impedire a Kathryn Mayorga di continuare a collaborare con la polizia. Si legge in una mail scritta da Lavely: “Poiché si tratta di una violazione dell’etica legale e persino di una base per la presentazione di un’istanza penale (… ) tale aspetto deve quindi essere affrontato con molta attenzione”».

«Nella stessa email, Lavely riporta anche che il detective privato che avevano assunto per saperne di più su Mayorga, aveva appreso che se “la signora C dovesse accettare un accordo extragiudiziale, il LVPD (Dipartimento di polizia di Las Vegas) lascerebbe cadere l’intera questione, terminerà l’indagine, chiuderà il file e non presenterà il caso al procuratore distrettuale”».

«Il team legale di Ronaldo ha avuto infine un successo. Dopo difficili negoziati, nel gennaio 2010 hanno raggiunto un accordo con Kathryn Mayorga per una transazione extragiudiziale. Ha ricevuto 375mila dollari per tacere e ha smesso di collaborare con la polizia. L’inchiesta è stata chiusa. Ma poi è successo qualcosa di inaspettato: quasi nove anni dopo, Ronaldo e i suoi avvocati si sono nuovamente confrontati con il caso». Il resto lo conosciamo.

ilnapolista © riproduzione riservata