La Cassazione si pronuncia: scudetto 2006 all’Inter

L’ultimo grado di giustizia ordinaria ha respinto il ricorso della Juventus contro l’assegnazione all’Inter dello scudetto 2006. Moratti: «Ora i bianconeri accettino la sentenza».

La Cassazione si pronuncia: scudetto 2006 all’Inter

La sentenza (definitiva?)

Forse è davvero finita la querelle intorno allo scudetto 2005/2006. Secondo il dispositivo di sentenza pubblicato questa mattina dalla Cassazione, il titolo nazionale del 2006 è stato legittimamente assegnato all’Inter. Ricorderete la vicenda: punita per i fatti di Calciopoli, la Juventus si vide cancellare lo scudetto del 2005, mentre quello del 2006 finì nella bacheca dell’Inter. A tavolino.

Ebbene, oggi, la Cassazione ha respinto l’ennesimo ricorso del club bianconero e ha quindi cancellato i due scudetti in più che a Torino si riconoscono “sul campo”. Una parte della sentenza: «La controversia rientrava nell’ambito degli organi sportivi in base al principio di autonomia dell’ordinamento sportivo nazionale che costituisce l’articolazione italiana di un più ampio ordinamento autonomo avente una dimensione internazionale».

Quindi, la decisione della Figc di decretare l’Inter campione d’Italia per la stagione 2005/2006 è assolutamente legittima. La Juventus non ha altri gradi di giudizio (sportivo o ordinario) cui presentare giudizio. Massimo Moratti, all’epoca dei fatti presidente dell’Inter, si è espresso sulla vicenda. Queste le sue parole all’Ansa: «Tutto regolare, conseguenza di quello che è successo. Comunque bene, è sempre uno scudetto assicurato: ora devono accettarlo gli juventini».

ilnapolista © riproduzione riservata