Pioli: «Il Napoli ha uno dei due migliori allenatori italiani, vorrei una Fiorentina lucida e coraggiosa»

Stefano Pioli ha presentato Fiorentina-Napoli in conferenza stampa: «Sarà una partita difficile, ma vogliamo giocarcela fino alla fine».

Pioli: «Il Napoli ha uno dei due migliori allenatori italiani, vorrei una Fiorentina lucida e coraggiosa»

In conferenza stampa

Stefano Pioli ha presentato Fiorentina-Napoli in conferenza stampa: «Sarà una partita difficile, loro come noi hanno avuto tanti giocatori in giro per le nazionali. Affrontiamo una squadra diversa dallo scorso anno, ad un gruppo competitivo ha aggiunto Ancelotti, il miglior allenatore italiano insieme ad Allegri. Non c’è stato nessun giocatore alle sue dipendenze che abbia avuto qualcosa da ridire. Ha vinto in tutti i paesi in cui è stato e sa far giocare bene la squadra. Mi piaceva tantissimo come giocatore, l’ho seguito sempre con grande stima. Pensate che una volta quando io giocavo nel settore giovanile del Parma ho addirittura raccattato un paio di scarpini che lui aveva buttato via alla fine di una partita della prima squadra. Io facevo il raccattapalle ma ho preso gli scarpini e poi li ho indossati per alcune partite. Lo ammiravo davvero e adesso sono sempre più convinto che sia uno dei migliori al mondo».

La Fiorentina che vedremo al San Paolo: «Dovremmo esser bravi a sfruttare gli spazi, affrontiamo un avversario di grande qualità. Chi è rientrato a Firenze è disponibile, anche Pjaca lo è. Potrebbe cominciare dall’inizio, così come partire dalla panchina. Veretout? Ho avuto molte risposte da Jordan come regista, è sereno e già questo è un ottimo inizio. Ha le caratteristiche del regista, ci sarà bisogno di qualche partita perché trovi il ritmo giusto in quel ruolo, ma con le qualità che ha ci può dare tanto anche in quella posizione».

«Dovremmo andare a Napoli con coraggio – continua Pioli -, so di avere una buona squadra ma ogni partita ha una storia a sé. A noi non deve interessare di giocare fuori casa, dobbiamo avere un approccio alla gara continuo. Dobbiamo riuscire a dare il massimo e giocarcela dall’inizio alla fine. Vorrei una Fiorentina lucida, in grado di capire come gestire la partita».

Il San Paolo semivuoto: «Tutti preferiremmo giocare sempre in stadi pieni, ma parliamo di una partita importante. Il numero dei tifosi sugli spalti non inciderà sulla concentrazione dei ragazzi».

ilnapolista © riproduzione riservata