It’s coming home: Svezia battuta 2-0, Inghilterra in semifinale dopo 28 anni

Gol di Maguire e Dele Alli, Southgate riporta l’Inghilterra tra le prime quattro nazionali del mondo. Affronterà la vincente di Russia-Croazia.

It’s coming home: Svezia battuta 2-0, Inghilterra in semifinale dopo 28 anni

Riportare il calcio a casa

In Inghilterra, si parla da tempo di “It’s coming home”. Il riferimento è doppio, il calcio e la Coppa del Mondo da riportare a casa. Il trionfo iridato manca dal 1966, ed è sempre stato un’ossessione per la Nazionale dei Tre Leoni. E ora è davvero vicino, come mai negli ultimi 28 anni. La squadra di Southgate raggiunge il penultimo atto dei Mondiali battendo nettamente la Svezia, finisce 2-0 con gol di Maguire e Alli tra primo e secondo tempo.

La partita non è di altissimo livello, l’Inghilterra è nettamente superiore e domina il gioco. Il vantaggio siglato da Maguire (una storia nella storia di questa squadra, due anni fa giocava in Championship, con l’Hull City) arriva alla mezz’ora, dopo una prima parte di gara in cui la Svezia gioca da Svezia – difesa e transizione – e gli inglesi provano a scardinare le sue certezze. Palla inattiva, come al solito: gran cross teso di  Young, salto ed incornata perfetta del difensore del Leicester. Da qui alla fine del primo tempo, l’Inghilterra potrebbe raddoppiare almeno due volte, con Sterling lanciato uno contro uno col portiere svedese Olsson. Bravo l’estremo difensore a rimediare ai danni, in entrambe le occasioni.

In apertura di ripresa l’Inghilterra continua a giocare meglio, ma la grande occasione è della Svezia: Berg di testa a botta sicura, grandissimo Pickford a volare sulla sua sinistra e a smanacciare fuori il pallone. Anche dopo il raddoppio, altro grande intervento del portiere dell’Everton, sempre su Berg, stavolta gran conclusione in girata col sinistro. La rete del 2-0 arriva ancora di testa, segna Dele Alli al 59esimo su cross di Lingard. Sono due dei giovani cresciuti da Southgate nell’Under 21, e lanciati dal Tottenham e dal Manchester United, i simboli di un lavoro in profondità che sta portando i suoi frutti. Finisce così, ora gli inglesi aspettano la vincente di Russia-Croazia. L’intenzione è riportare la coppa a casa, 52 anni dopo l’ultima volta.

ilnapolista © riproduzione riservata