Da Cavani a Boateng e Gervinho, lista dei 31enni accostabili al Napoli (o forse no)

Le parole di De Laurentiis ci hanno stuzzicato: grazie a Transfermarkt, abbiamo trovato nomi davvero speciali (Hulk, Bacca, Gervinho, Ignazio Abate).

Da Cavani a Boateng e Gervinho, lista dei 31enni accostabili al Napoli (o forse no)

Oltre la fantasia

Ieri abbiamo scritto anche noi del 31enne di esperienza, De Laurentiis docet, che Ancelotti vorrebbe portare al Napoli. Secondo noi si tratta di un attaccante, di un numero nove di livello internazionale, abbiamo “chiamato” (senza menzionarli direttamente) Benzema e Cavani. Sulla nostra pagina Facebook, un plebiscito per il Matador nello scontro virtuale con l’attaccante del Madrid. Questioni di cuore, di vecchi amori che non finiscono e fanno un giro immenso poi ritornano. Altri media hanno scritto di centrocampisti di alto livello come Vidal e Fabregas.

Però, poi, abbiamo pensato alla ricerca per filtri di Transfermarkt, che permette di individuare tutti i calciatori del mondo partendo da un parametro che può essere la nazionalità, l’età, il ruolo. Insomma, una query qualsiasi in un database sterminato. Che ha subito sbugiardato tutti noi, dal primo all’ultimo: sapevate che Benzema non ha ancora 31 anni? Li compirà a dicembre, evidentemente non è lui. De Laurentiis e As ci stanno fregando, per ovvie limitazioni d’età il Napoli non può acquistare Benzema. Cavani invece sì, ne compirà 32 in occasione del prossimo San Valentino. A Plzen, dal 2013, quel giorno è diventato festa nazionale. E ogni anno viene invitato Walter Mazzarri ad officiare le celebrazioni.

Oltre Messi e Piqué

Scorrendo la lista, ordinata per valutazione del cartellino, troviamo Messi e Suarez ai primi due posti. Diciamolo subito, a scanso di equivoci: difficile che il Napoli possa prendere uno dei due. Poi, ecco Cavani, Piqué, Bonucci e Vidal. Sotto, due belgi: Jan Vertonghen e Dries Mertens. Sì, proprio lui: il Napoli ha già a disposizione un bel 31enne puro a disposizione.

Subito dopo, ecco Fabregas e Khedira, seguiti da David Luiz e Hugo Lloris. Ecco, per esempio: se il Napoli non avesse investito (a quanto pare) su Meret, il portiere del Tottenham non sarebbe stato malaccio. Esattamente come Payet, capitano del Marsiglia, che in classifica segue Callejon e Benatia. Il primo è già del Napoli, il secondo è inaccessibile. Per ovvi motivi.

Nomi wild

Da qui in poi, si comincia con i nomi “esotici”, che la narrazione del calciomercato ha trascurato (colpevolmente, a nostro parere). Per esempio, ci sono Hulk e Jamie Vardy: quando si dice che l’attacco del Napoli avrebbe bisogno di carica fisica e/o emotiva. Poi, Keylor Navas, Candreva, Fazio, Garay e Bacca. Tutti, almeno una volta, sono stati accostati al Napoli. Navas è un’idea recente, per Candreva, Fazio, Garay e Bacca bisogna andare un po’ indietro. Oggi sembrano nomi che fanno ridere.

Stessa cosa scendendo ancora più in basso: Ramires, Lucas Leiva, Giovinco. Da qui in poi, si entra in un territorio ricco di suggestioni: Eder dell’Inter, Gervinho, Kevin Prince Boateng. Lasciando da parte il primo, pensiamo ad un Napoli con i due ex di Roma e Milan: una pura follia.

Poi, i portieri italiani e/o argentini: Sirigu, Consigli, Chiquito Romero. Lo svincolato Nasri, l’ex laziale Nani, storici incompiuti come Ryan Babel e Hatem Ben Arfa.  Peccato che Nagatomo sia stato appena ceduto al Galatasaray, anche lui rientrava nella lista. E rispettava i parametri.

Siamo arrivati a una valutazione bassissima, 3.5 milioni per Hetemaj del Chievo. Può bastare, o forse no: ecco Jackson Martinez, Romulo e Ignazio Abate. Se ci pensi, tutti questi rispettano perfettamente l’identikit tracciato da De Laurentiis e Ancelotti. 31enne d’esperienza. Cosa vuoi di più

ilnapolista © riproduzione riservata