Ora è la Juventus che frigge: il patto anti-Napoli e la richiesta di aiuto allo Stadium

Come cambiano le prospettive e le retoriche: la Juventus, secondo Tuttosport, ha alzato l’asticella emotiva con Higuain e Buffon e chiede l’aiuto dei suoi tifosi.

Ora è la Juventus che frigge: il patto anti-Napoli e la richiesta di aiuto allo Stadium

Tuttosport

C’è qualcosa di strano, nell’ambiente Juventus, nel giorno che precede lo scontro diretto col Napoli. In realtà, le avvisaglie arrivano da lontano: già ieri, un editoriale un po’ così di Tony Damascelli (su Tuttosport) aveva addirittura sdoganato il concetto di «eventuale scudetto pienamente meritato dal Napoli».

Sempre Tuttosport, oggi, si spara le prime due pagine e mostra come il mondo bianconero viva una certa ansia. Una situazione inattesa, che ovviamente nasce dalla partita storta di Crotone, ma che però si concretizza in una narrazione lontana dalla sicurezza che ha sempre caratterizzato l’ambiente Juventus – almeno nei confini nazionali. Sotto, la prima pagina del quotidiano torinese. Già una volta abbiamo scritto di come la retorica del patto fosse diventata stantia, abusata, insomma di come abbia francamente rotto le scatole. Anche a noi, che ne sentiamo parlare da un anno in riferimento al Napoli. Oggi è la Juventus a fare il patto. Il patto anti-Napoli.

Ecco, è questo a sembrarci strano. Quantomeno, è indicativo rispetto a una situazione psicologica completamente ribaltata rispetto a pochi giorni fa. Da uno scudetto già vinto, solo da certificare, si è passati ad una situazione in bilico a cui, evidentemente, gli abitanti di Torino e dintorni non erano più abituati. Dal 2013 al 2017, tutti gli scudetti erano già praticamente vinti a questo punto della stagione. A volte anche prima. Oggi c’è uno scontro diretto da non perdere, ok, e male che vada c’è un altro punto di vantaggio da poter difendere. Ma la situazione non è tranquilla. Non c’è sicurezza. C’è bisogno del patto anti-Napoli.

Buffon e Higuain

Leggiamo: «Questa non possiamo proprio perderla. Non noi. Gonzalo Higuain da una parte, Gigi Buffon dall’altra: se lo sono promessi reciprocamente, da amici e compagni, sempre più uniti. Il perché Juventus-Napoli per loro valga molto di più che per gli altri è abbastanza chiaro. Da una parte il portiere vuole evitare un sinistro filotto di fallimenti nella stagione dell’addio al calcio (dopo il
Mondiale sfumato allo spareggio e la perfida beffa di Madrid), dall’altra il bomber ha messo in piedi un personalissimo e infuocato derby con la società Napoli per il quale non può “permettersi” di vederli trionfare, per di più davanti ai suoi occhi, subendo una sconfitta doppia rispetto ai compagni».

Incredibile ma vero. La Magna Juve che serra le fila contro il piccolo Napoli brancaleone. Che ha bisogno del leader maximo Buffon e di un fido scudiero emotivo per caricare l’ambiente. E poi, che scudiero: Higuain, l’uomo odiato e fischiato da Napoli che ora è il primo ad attendere quella che sarebbe l’ennesima rivincita. Proprio lui.

Lo Stadium

E non è tutto. Nella terza pagina, Tuttosport invoca l’aiuto dello Stadium per i ragazzi di Allegri. E richiama in causa, proprio in virtù di questo appello, i ricordi di Antonio Conte: «È partita la “chiamata” Scudetto: tutti insieme appassionatamente. Ché il vero tifoso, come i buoni amici, lo vedi nel momento del bisogno. E, vien da sé, domani sera la Juventus avrà bisogno eccome di tifosi veri, di decibel, d’una bolgia da Stadium (come invocava Antonio Conte) che faccia ricredere pure i più scettici e propensi a sottolineare che a volte si tende ad un torpore da teatro, negli impianti italiani (sempre Antonio Conte, se vogliamo un esempio…). Gli appelli sono già partiti, da Douglas Costa a Buffon: tifosi, abbiamo bisogno di voi».

Ogni retorica possibile è stata ribaltata. La Juventus sceglie il profilo emotivo alto (in attesa di Allegri in conferenza, alle 12.00) e questo è già un segnale. Nel senso: se una squadra forte e superiore come quella bianconera deve arrivare a questi racconti così forzati, vuol dire che anche una squadra forte e superiore può friggere. Di paura, di tensione, magari anche di incredulità rispetto a un campionato da punteggio chiuso (85 punti con altri 15 ancora in palio) ma che in realtà è ancora aperto. Merito del Napoli, che solletica e sollecita i patti. Merito del Napoli, che infuoca i fuoriclasse avversari (addirittura Buffon e Higuain) e fa chiamare a raccolta i tifosi nella bolgia-scudetto dei tempi di Conte. Basta qualche punto in più per cambiare tutte le prospettive, anche quelle emotive.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Manuel Fantoni 22 aprile 2018, 0:03

    Non credo che l’ambiente juve abbia paura di questa partita… ovviamente cercano di ottenere tutti i vantaggi chiamando a raccolta il pubblico e cercando di intimorirci con la bolgia che presumibilmente ci sarà domani. A me preoccupa proprio l’aspetto emotivo più che tecnico… alcuni dei nostri tendono a defilarsi quando la posta in palio è alta e ci sarebbe bisogno di nervi saldi. Probabilmente questa è una delle differenze che c’è tra buon giocatore e campione… spero sempre che l’abitudine a queste partite possa migliorare questo aspetto. Loro sono piu a loro agio in queste situazioni ma, al di là del risultato, spero di vedere progressi sotto l’aspetto della personalità e del sano coraggio

  2. scusate l’off topic, ma soltanto io che sono tifoso del Napoli, mai mi sognerei di andare a commentare blog juventini? bah…che gente strana

  3. Francesco Sisto 21 aprile 2018, 19:27

    Se veramente, come si dice, giocano col 4-2-3-1 con Pjanic e Kedira ce la possiomo veramente fare

  4. Antonio Chiacchio 21 aprile 2018, 19:26

    lo so, porta male dire questo, ma darei via le mie proprietà per vedere la faccia del pippita sofferente e amareggiata.

  5. Stefano Valanzuolo 21 aprile 2018, 17:57

    Quanto manca all’inizio…?

  6. Qui a Fuorigrotta bolgia da Stadio, stanno accompagnando il Pulman del Napoli a Capodichino via Tangenziale un inferno da Stadio Sirene della Polizia a cercare di far varco per la squadra. Adesso il Giudice Sportivo ci squalifica Fuorigrotta, stanno sparando bombe a mano, oh scusate bombe carta, fumo intenso, nebbia in Val Padana. Il napoletano ci tiene al Napoli come nessun altro al mondo IMPARATE!! Pur ‘o can mio sta alluccann…..

  7. Mi piacerebbe essere ottimista ma non lo sono. Primo perché il Napoli non sta vivendo un grande momento, in particolare in alcuni uomini chiave come Hamsik, Mertens e Allan. Secondo perchè Sarri e il Napoli soffrono di sindrome Juventus, una squadra che anche nei migliori momenti non è riuscita mai a esaltarsi contro i bianconeri. Terzo perché dove non arriva la forza della juventus, arrivano fattori esterni …”ausiliari”, abbastanza puntuali quando la squadra era in difficoltà con il Napoli. Ovviamente sarebbe fantastico essere smentito. Mi aspetto comunque che qualcosa il Napoli abbia imparato dalle precedenti esperienze e perciò che giochi i primi 20-25 minuti con grande attenzione, evitando di fare la partita a tutti i costi. Domani andrebbe bene anche una vittoria sporca, con gol in contropiede. E comunque forza Napoli!

  8. E ridagli con la retorica del piccolo Napoli brancaleone e il gigante Juventus. Siete una top team, al livello della Juve, quindi adeguate la prospettiva!

    • Diciamo che siamo dentro un percorso di lenta crescita che speriamo di continuare. Top team ancora no 🙂

    • Siamo una squadra ottima ma non una potenza come la juve. Poi c’è una sfiga atavica nelle partite con la juve dal dopoguerra a oggi.

  9. Mi chiedevo: sicuri che il Napoli debba andare a Torino a fare partita garibaldina? Anche il pareggio pur non risolvendo il gap di punti potrebbe non essere così male a fronte di un finale che è lastricato di ostacoli. Le probabilità sono poche in ogni caso comunque.

    • Ragionando così, la situazione migliore si ottiene perdendo a Torino. In questo caso, i giocatori della Juve già privi di stimoli, staccherebbero completamente la spina, perdendo quasi sicuramente sia a Roma che a Milano. Se nel frattempo noi le vinciamo tutte si arriva all’ultima di campionato a -1. Poi il Verona ci fa il regalo.

  10. In parte i concetti evidenziati nell’articolo sono giusti, ma non dimentichiamoci che ormai il giornalismo sportivo serve soprattutto a creare attesa intorno alle partite. Speriamo bene… forza Napoli sempre!!!

  11. Non è il primo non sarà l’ultimo

  12. Giusto per essere chiari, la probabilità dei risultati 1 x e 2 secondo Google è: 46, 30 e 24%
    . Non illudiamoci. FNS

    • Francesco Sisto 21 aprile 2018, 13:44

      A parte che non capisco come google dia le percentual, sul calcio poi, che è imprevedibissimoi, ma conunque mi sembrano abbastanza favorevoli al Napoli, considerate le condizioni.
      1/4 di possibilita che esca il 2 non è poco.

      • É un algoritmo semplice basato sulla distribuzione di Poisson. Si calcola utilizzando il numero medio di gol fatti/subiti in trasferta del Napoli e in casa dalla Juve. É lo stesso algoritmo utilizzato dai siti di scommesse per stabilire le quote di partenza( che però in seguito fanno evolvere le quote in funzione delle scommesse, per uscirne sempre vincenti). Comunque secondo questo sistema l’X2 é abbastanza probabile. Secondo me, se l’ambiente napoletano non impazzisce, anche in caso di sconfitta possiamo ancora vincere lo scudetto.

        • Ah quindi dici sul serio? Già a meno 1 sarebbe difficile figuriamoci a -7 a quattro dalla fine.

        • Ho perso bollette con la squadra vincente fuoricasa quotata a 13 nei campionati esteri, finlandesi, danesi, norvegesi….

        • Si, in caso di sconfitta lo scudetto lo vinciamo di sicuro.

    • Antonio Chiacchio 21 aprile 2018, 13:50

      noi ce ne fot……amo di google e a Torino vinciamo. Per dirla alla Bellavista …”professò resistete!”

    • Pur po Croton, Spal, Cagliari, Lazio….

  13. Gallo, perché alimentare queste illusioni facendo intendere che ora è la Juve ad avere timore? Già all’andata il tuo tentativo fu lo stesso.

    La realtà è che loro sono avanti e sono abituati più di noi a questi scontri tanto che gli ultimi li hanno sempre vinti. Pertanto, non illudiamoci e il Napolista non alimenti illusioni. Scrivere piuttosto di tattica.

    FNS

    • Francesco Sisto 21 aprile 2018, 13:49

      Non è che la Juve abbia terrore, ci mancherebbe, ma ho notato anche io che c’è apprensione nella galassia bianconera per questa gara, a artire dalle dichiarazioni di Allegri subito dopo la partita col crotone.
      Insomma, la pressione psicologica e dalla loro parte, se dovesse succedere l’impensabile il loro ambiente diventerebbe incandescente.

      • Hanno timore perché molti giocatori non hanno le giuste motivazioni per affrontare questa gara. Per questo tuttosport punta su Buffon e Higuain, forse gli unici assieme a D. Costa ad avere una motivazione reale. Da noi persino Starance non vede l’ora.

        • Già. Il problema è anche che, secondo me, Dybala e altri hanno già un piede, forse anche due, in altre squadre per l’anno prossimo, e la sconfitta in Champions gli ha tagliato e gambe e le motivazioni. Almeno, così si spera… Noi dobbiamo fare la gara del secolo per sperare di vincere.

      • Lo sanno, che quei punti in più che hanno in confronto non è farina del loro sacco, per questo non hanno la prosopopea degli scorsi Campionati. Se non vincono, li tormenteremo.

    • Antonio Chiacchio 21 aprile 2018, 13:53

      caro, questa è sindrome depressiva allo stato puro….. sursum corda!

    • Questa é una specie di finale. Il fatto che loro sono abituatissimi alle finali a me sembra di buon auspicio.

  14. A sensazione (da juventino) credo che la “chiamata a raccolta” sia più un indice di riconsiderazione dell’obiettivo scudetto, nel senso che per digerire l’uscita beffa dalla CL occorreva innalzare l’asticella per la vittoria in campionato. Molti tifosi (e moltissimi giornalisti) danno infatti per scontato quello che scontato non è: già vincere lo scudetto e’ un’ impresa (rammento il primo di Conte dopo anni di buio totale); averne vinti 6 di fila è leggendario; per il 7′ si farebbe fatica a trovare gli aggettivi. Ove dovesse invece prevalere il Napoli (un grande Napoli), i veri juventini sportivi dovrebbero solo rendere onore e riconoscere i meriti di un avversario irriducibile

    • Bravo Marco, da napoletano e Napolista condivido tutto ciò che hai scritto.
      Aggiungerei: se deve vincere la Juve, mi auguro vinca bene e meritatamente. Se questo scudetto dovesse decidersi sulla base di pochi punti di vantaggio bianconero, non potrei essere distaccato come te e non potrei fare a meno di pensare come -nel momento topico- la Juve sia stata in grado di mettere la museruola anche al VAR.
      In conclusione: vinca il migliore

      • E ancora non hai visto gli episodi più dubbi di questa stagione. Che secondo me saranno domani a Torino.

      • Giusto!Vinca il migliore! Anche se domani auspico, dopo aver partecipato alla standing ovation per Ronaldo, di non applaudire un’altra rete da favola di qualche giocatore azzurro…

    • Antonio Chiacchio 21 aprile 2018, 13:54

      non mi sembri così……….juventino…

      • Sono juventino da tre generazioni (ero, ahimè, a Cardiff e a Madrid…) ma mio padre era campano…;)..Assicuro che ci sono tantissimi juventini sportivi e, francamente, stante i miei natali sempre meglio il Napoli piuttosto dell’Inter o del Milan..e poi, citando De Crescendo, la napoletanita’ e’ uno stato d’animo…domani sarò comunque allo Stadium ad incitare la Juve fino alla fine..

        • Antonio Chiacchio 21 aprile 2018, 19:20

          non ho ragione di non crederti, ma vedo un “napoletano” in nuce……

Comments are closed.