Il week-end dei top player: Bonucci, Hamsik, Milinkovic-Savic

Serie A, top e flop della 26esima giornata: anche Zapata tra i migliori, bocciati Kolarov, Spolli, Castan e Rafinha.

Il week-end dei top player: Bonucci, Hamsik, Milinkovic-Savic

Top

Bonucci (Milan) – All’Olimpico ammiriamo finalmente il Bonucci versione top player. Da autentico leader della difesa, mette il lucchetto all’area di rigore. In pochi riescono ad entrare nessunon riesce a rendersi seriamente pericoloso.

Hamsik (Napoli) – È l’uomo in più del Napoli, la sua serata è buona e si vede già dai primi minuti. Sa sempre cosa è giusto fare. Preciso sia negli scambi stretti che nei lanci lunghi. Realizza un goal tanto bello quanto ricercato.

Milinkovic-Savic (Lazio) – Fenomeno, top player assoluto. Una perla, di rara bellezza, l’arco disegnato da fuori area per il vantaggio della Lazio. Chiude ad inizio ripresa con un goal di testa.

Duvan Zapata (Samp) – Ricorda, per le movenze, Alberto Tomba in discesa libera. In contropiede semina mezza squadra Udinese e supera Bizzari dal limite dell’area con un bellissimo lob mancino. Realizza uno dei gol più belli della Serie A.

Flop

Kolarov (Roma) – Lontano parente del giocatore ammirato nel girone d’andata. Cerca di sfondare a sinistra, ma viene chiuso magistralmente da Calabria. Diversi anche i cross sbagliati dalla trequarti, che sono il suo marchio di fabbrica.

Castan (Cagliari) – Anello debole dell’approssimativa difesa rossoblù. Eccessivamente duro negli interventi, non riesce a salvare il Cagliari da un mortificante k.o. Anzi, regala agli azzurri il calcio di rigore e la punizione che arrotondano il risultato.

Rafinha (Inter) – Alla prima da titolare, l’ex centrocampista del Barcellona delude tutti coloro che puntavano su di lui per la scossa. Non trova mai lo spazio e il modo per inventare, uscendo nella ripresa.

Spolli (Genoa) – Anello debole della difesa rossoblù, lento e goffo nei movimenti, impreciso negli appoggi. Al minuto 72′ perde un pallone tremendo, attaccato da Falletti,, dando il via all’azione che porta al 2-0 definitivo dei Bologna.

ilnapolista © riproduzione riservata