Sarri: «L’Atalanta ci infastidisce, nelle coppe potevamo fare qualcosa di più»

Maurizio Sarri intervistato alla Rai al termine di Napoli-Atalanta: «Inconsciamente, forse, riusciamo a dare di più nelle partite di campionato».

Sarri: «L’Atalanta ci infastidisce, nelle coppe potevamo fare qualcosa di più»
Sarri / Carlo Hermann

L’intervista alla Rai

Maurizio Sarri intervistato alla Rai al termine di Napoli-Atalanta: «La partita è valsa il pareggio a livello di occasioni costruite. Nel primo tempo abbiamo fatto abbastanza bene, il secondo non mi è piaciuto. Sembravamo distratti, con la testa tra le nuvole. All’inizio davamo la sensazione di essere solidi, compatti, di poter ripartire».

Un voto alla stagione del Napoli fino a questo momento: «Mi sono sempre incazzato parlando di voti. In campionato abbiamo un altro atteggiamento, forse per caratteristiche nostre soffriamo di più l’eliminazione diversa. Potevamo fare qualcosa di più nelle coppe, forse inconsciamente abbiamo maggiore applicazione in Serie A».

Sarri, il calendario troppo fitto e il turn over: «Io penso che bisognerebbe fare come l’Inghilterra, aprire alla quarta o alla quinta sostituzione. La differenza tra titolari e riserve è anche nelle caratteristiche tecniche e fisiche, magari alcuni entrando singolarmente potrebbero fare meglio. L’Atalanta è più fisica di noi, riesce a toglierci ritmo. È una squadra che ci infastidisce, anche in campionato avevano incartato il match ma poi il risultato è venuto dalla nostra parte. Il mancato turn over? Succede a tutti: se vinci hai fatto benissimo, se perdi dovevi mettere gli stessi. Che poi oggi la squadra mi è piaciuta di meno nel secondo tempo, quando c’erano più calciatori titolari in campo».

Le parole di Guardiola sulle troppe partite in calendario: «Non mi piace l’idea di ridurre le squadre in Serie A. La possibilità più concreta sarebbe ridurre le pause per le nazionali, togliere i quattro stop durante l’anno. È anacronistico pensare che un calciatore che guadagna un milione al mese possa giocare contro Gibilterra, San Marino e Andorra».

Sarri e il mercato: «Non reagisco alle notizie di mercato, alle parole di Verdi o Inglese. Non sono prevenuto, nei confronti di nessuno. È difficile parlare di scelte individuali altrui».

ilnapolista © riproduzione riservata