Italia-Polonia, l’Under 21 e Lewandowski che “tifa” Napoli

Il centravanti della Polonia “giustifica” l’eventuale mancata partecipazione di Milik e Zielinski all’Europeo dei giovani. La Gazzetta tratta questo tema anche in relazione all’Italia.

Italia-Polonia, l’Under 21 e Lewandowski che “tifa” Napoli

L’articolo della Gazzetta

Un bel tema, quello sollevato dalla Gazzetta dello Sport. Stasera si gioca Italia-Polonia Under 21, match amichevole di preparazione all’Europeo di categoria. Sono qualificate entrambe, quindi è un test di un certo prestigio. Eppure, non si parla d’altro che di Milik-Zielinski, della possibilità da parte dei calciatori di rifiutare (o di come “trattare”) la convocazione per un torneo giovanile della propria nazionale.

Per il Napoli, ovviamente, sarebbe molto meglio se Arkadiusz e Piotr non partecipassero alla kermesse. Questione di preparazione, di tempi di riposo e di recupero. Una situazione che, aggiungeremmo noi, sarebbe da monitorare soprattutto per il centravanti ex Ajax, reduce da un infortunio abbastanza importante.

Lewandowski genera imbarazzo

Un “assist” per il Napoli arriva addirittura da Robert Lewandowski. Che è polacco e capitano della nazionale maggiore, ma dalle sue dichiarazioni non si direbbe. Nel senso: sembra andare contro l’interesse della sua nazionale (Under 21). Le parole riportate da Gazzetta: «Credo che Milik e Zielinski abbiano già dimostrato di essere dei grandi giocatori, quindi non devono per forza andare a fare l’Europeo Under 21. Anche se lo vincessimo, cosa cambierebbe? Non credo che un successo possa rilanciare il movimento calcistico polacco…».

La federazione non è proprio felicissima di queste parole, il tecnico dell’Under Dorna non ha commentato e quindi la cosa si trascinerà fino alle convocazioni definitive, attese per fine campionato. Insomma, c’è imbarazzo.

Intanto, in Italia

La stessa situazione si pone più o meno simile in Italia. La Serie A, vivaddio, sta finalmente dando spazio a giocatori davvero giovani. Romagnoli, Rugani, Donnarumma, Caldara, Gagliardini, Bernardeschi. La spina dorsale dell’Under di Di Biagio, o almeno è quello che spera il ct. Che per stasera, spiega, opterà per una formazione «sperimentale». In modo da «risolvere i dubbi che rimangono sulle alternative da aggregare alla squadra che partirà per l’Europeo». Tutto giusto.

Vedremo come andrà. Nel frattempo, il Napoli incassa “l’aiuto” di Robert Lewandowski – che da buon giocatore del Bayern è particolarmente sensibile alle necessità dei club – e aspetta notizie per i suoi due gioiellini polacchi.

ilnapolista © riproduzione riservata