L’intervento di Albiol più fuori luogo delle dichiarazioni di Gargano

L’intervento di Albiol più fuori luogo delle dichiarazioni di Gargano

REINA 5.5 – Dopo le “secce” arrivate dai giallorossi al termine di Roma-Chievo, scende in campo indossando una coroncina di corni che il quarto uomo prontamente sequestra. Gli sarebbe servita almeno per evitare il gol di Peres. Sciò sciò ciucciuve!

HYSAJ 6 – Bruno Peres lo metto spesso in difficoltà, soprattutto quando gli chiede se ha spiccioli per il distributore.

KOULIBALY 7 – Ad inizio ripresa si scontra con quello “sgobbellato” di Belotti. Vedere a terra lo “scoglio di mergellina” ti fa capire come anche l’acciaio inox, a volte, possa ossidarsi.

ALBIOL 6.5 – Dopo 3 minuti si becca subito il giallo per un intervento più fuori luogo delle dichiarazioni di Gargano. Speriamo che nel dopo-partita non abbia schiaffeggiato il povero Edo.

GHOULAM 6.5 – Ancora emozionato per la favola del Leicester si emoziona quando lo speaker annuncia il 2 a 0 del Verona sulla Juve. Subito dopo gli spiegano che siamo in Italia.

JORGINHO 6 – Dopo aver fatto fuori il suo principale rivale (Verratti) nella corsa agli europei, passa l’ultima mezz’ora del match sfogliando la rubrica per capire chi è il prossimo da gufare.

ALLAN 6.5 – Nel prepartita si becca un paio di insulti soltanto perché ricorda “Wally ‘ngrat”. Appena comincia il match, però, tutti si ricordano che lui sa fare una cosa in più: giocare a calcio.

HAMSIK 7 – Continua a battere record. Da oggi è il giocatore azzurro con più telefonate effettuate al presidente per scusarsi a nome del cognato.

CALLEJON 7.5 – Suda la maglia, segna, crossa, copre, corre. Al ritorno guida l’ autobus azzurro, va a comprare le sigarette a Sarri e rassetta la palestra di Castelvolturno. Mr. Dubtfire

INSIGNE 6 – Questa storia che è sempre sotto esame con il prof. Conte lo tormenta. Sono due mesi che si sveglia nel cuore della notte a causa di un incubo ricorrente: un parrucchino che entra indisturbato in un centro scommesse.

HIGUAIN 8 – Riesce sempre a fare la differenza. Si parla di sfida con Totti, anche se la vera partita è lui contro Tutti.

SARRI 7 – Spalletti si è lasciato scappare un “Forza Ventura”. Ora il mister potrebbe anche dire “Forza Brocchi” ma così facendo rischierebbe soltanto di incitare Dzeko e Rudiger.

ilnapolista © riproduzione riservata