Il taccuino di Benitez / Insigne ha giocato otto minuti, più di Rivera a Messico 70

Il taccuino di Benitez dopo Napoli-Marsiglia 3-2
Behrami, scherzetto. Lo tengo in panchina. Vicino a me. Sento dire che potrebbero esserci problemi di ordine pubblico.
Pandev, scherzetto. Gioca lui. Mi tengo Hamsik in panchina perché sta benissimo. Non voglio farlo capire a Conte.
Baup ha scompaginato le carte. Questo Marsiglia è un’altra squadra rispetto a quindici giorni fa, ed è un’altra pure rispetto a quella annunciata. Cheyrou non era nei piani.
Tiro a giro di un destro da sinistra dopo cinque minuti. Ricordare a Mertens che quando gli dico di giocare alla Insigne, non intendo questo.
Gol sbagliato, gol subito. Non succede quasi mai. Tutti credono che questo vecchio proverbio del futbol sia vero. Ecco, stasera è successo.
Ayew anticipa Maggio. Viene ad aprile.
Ho fatto una battuta.
Non possiamo farlo saltare in mezzo a sei nostri difensori. Uno contro sei. Al limite possiamo anche farlo saltare, ma non fargli prendere la palla. Al limite possiamo anche fargli prendere la palla, ma non fargli fare gol.
Sin prisa pero sin pausa. Meglio prendere un gol dopo 10 minuti che a 10 minuti dalla fine.
Non abbiamo mai rimontato quando siamo andati in svantaggio. Ma è anche vero che siamo andati in svantaggio solo a Roma. Dove potevamo andare in vantaggio. Chiaro?
Cos’è il futbol. Se Albiol avesse preso la palla di testa al limite dell’area, forse l’avrebbe messa in mezzo e sarebbe morta lì. Invece viene anticipato e sulla respinta Inler tira da fuori area. Uno a uno. Ci vorrebbe subito il secondo gol.
L’arbitro fa molto correre sui contatti di gioco. Inler a centrocampo sta facendo pure il Behrami. C’è il suo piede pure nel secondo gol.
Troppi palloni persi. Troppi.
Troppi lanci lunghi. Troppi.
Troppi petardi. Troppi.
Cos’è il futbol. Abbiamo perso un pallone in attacco con un passaggio sbagliato di Higuain e sul cambio di gioco prendiamo gol.
Armero, ricordarsi di dirgli che i piedi sono due. Che se sei mancino, non è vietato prenderla di destro. Hamsik. E ci sei, adesso tu.
Adesso il povero Armero è in confusione. La gente deve aiutarlo.
Insigne, otto minuti in campo. Sempre più di Rivera a Mexico ’70.
Se Insigne fa gol al primo pallone che tocca, mi fanno santo veramente.
Palo.
Datemi un asciugamani.
Behrami, 15 secondi in campo più recupero. Due palloni recuperati davanti alla difesa.
Il Marsiglia è a zero punti. Il Marsiglia era la squadra in seconda fascia al sorteggio.
Anche in questo turno, come nel precedente, siamo l’unica squadra italiana che ha vinto. Dobbiamo fare sempre tutto noi.
Possiamo qualificarci con 10 punti oppure essere eliminati con 12.
Sin prisa pero sin pausa.
Il Ciuccio

ilnapolista © riproduzione riservata