C’era una volta il Napoli. Bello, feroce e fortunato

Il Napoli non vinceva da quasi un mese: due miseri punti nelle ultime tre partite. Le pressioni dell’ambiente e le critiche sono via via aumentate, creando anche momenti di insofferenza esplicitati dagli sfoghi del nostro allenatore e del presidente. Bisognava dare una risposta veemente sul campo, sebbene i giochi in campionato sembravano già da qualche tempo compromessi. Le ultime uscite dei nostri ragazzi avevano palesato limiti e preoccupazioni, raggranellando le briciole con brutte figure e prestazioni molto inferiori alla aspettative. Bisognava cambiare rotta e dare un segnale forte di svolta approfittando del turno interno contro un modesto Cesena privo tra l’altro dei suoi due uomini migliori: Mutu e Santana.
Già dall’atmosfera al San Paolo si era capito che il vento sarebbe potuto cambiare: uno stadio gremitissimo e coloratissimo stile Champions, nonostante il tempaccio siberiano, a dimostrare quanto il popolo azzurro tenesse al campionato. Il momento di difficoltà è stato recepito da tutti.
Uno striscione mostrato dalla curva indirizzato alla società, che anche in questa sessione di mercato ha speso più degli altri club, in segno di riconoscenza e un particolare applauso per Inler, hanno dimostrato l’attaccamento e il sostegno che solo il popolo azzurro sa dare.
Il mister ha opportunamente optato per un ampio turnover, viste le squalifiche e il momento delicato di alcuni elementi. Fin dalle prime battute il Napoli ha cercato di fare la partita puntando sul possesso palla, senza però essere troppo pericoloso. E’ sembrata però una squadra matura che ha lavorato ai fianchi la nutrita difesa romagnola, in attesa dell’occasione giusta o di un errore dell’avversario per affondare il colpo decisivo. De Sanctis inoperoso. La difesa poco impegnata, e ultimamente molto criticata, ha evidenziato la prima buona prestazione di Britos, sia nel gioco aereo che con la  palla a terra; bene anche Aronica formato Passarella e Campagnaro che piano piano sta tornando ai suoi livelli. A centrocampo, il solito infaticabile Gargano, autore anche di precisi ed illuminanti lanci per le punte e Inler che finalmente ha mostrato i muscoli e le geometrie di cui è capace; ottimo Dossena che non ha mai smesso di spingere e segnali di ripresa da parte di Maggio, anch’egli nelle ultime gare apparso con le polveri bagnate. Attacco, privo dell’inutile Lavezzi squalificato, affidato al brillante duo Cavani-Pandev è stato supportato da Dzemaili nell’inedito ruolo di vice-Hamsik partito dalla panchina.
Nonostante la pressione e il gioco avvolgente sulle fasce la prima frazione non si è sbloccata dallo zero a zero iniziale, ma il pubblico, conscio della grande determinazione e la sfortuna dei ragazzi, ha applaudito e sostenuto tutti, comprendendo che l’unità e il sostegno siano le vere armi in più che contraddistinguono la nostra tifoseria.
Nel secondo tempo la squadra è partita subito a testa a bassa alla conquista della vittoria, scrollandosi di dosso definitivamente le scorie di Genova che ancora avevano lasciato strascichi. Zuniga, subentrato a Britos, si è piazzato sulla sinistra sopravanzando Dossena, modificando di fatto l’assetto della squadra, passando a quattro in difesa. Una mossa azzeccatissima da parte di Mazzarri, che poco dopo ha completato il capolavoro, inserendo Hamsik nel tridente, arretrando Dzemaili al posto dell’ormai affaticato Inler. Da quel momento, proprio questi azzurri, hanno impresso la svolta decisiva alla gara: il colombiano, imprendibile per gli avversari, ha confezionato una serie infinita di cross calibrati alla Brehme; lo slovacco, in continuo movimento, ha tirato fuori quella classe che ormai sembrava dimenticata nei cassetti delle notti Champions; e Dzemail ha smesso i panni del goffo gibbone, per trasformarsi nel granitico e insuperabile centrocampista che ricordavamo un po’ di anni fa. Difatti, la manovra si è fatta più fluida e il pressing sempre più asfissiante. Pandev ha sfiorato più volte il gol, negato solo dalla bravura del redivivo Antonioli e Cavani ha prima clamorosamente colpito un palo da pochi metri e poi, ad un paio di metri della meta, non è riuscito a trafiggere l’estremo difensore cesenate in una duplice occasione, sventata all’ultimo istante da un salvataggio sulla linea.
Mazzarri, sconsolato, ha così giocato l’ultima carta buttando nella mischia quello che stava per diventare un oggetto misterioso: Vargas. Il giovane cileno ha infatti risposto alla grande, mostrando più sicurezza, agilità e giocate di qualità.
Ma ormai, quando la gara sembrava orientata a terminare verso l’ennesimo ed inutile pareggio,in preda allo sconforto, a sfortune, parate prodigiose e salvataggi miracolosi, un minuto dopo il novantesimo, un triangolo veloce in area tra Maggio e Pandev, ha permesso al macedone, sempre più insostituibile, di abbattere lo stregato fortino romagnolo e regalare la tanto ambita vittoria in una scena che al San Paolo mancava da troppo tempo: il trionfo e nei minuti di recupero.
La squadra ha dimostrato stavolta di crederci, mostrando grinta ed aggressività sino alla fine, meritando senza dubbi i tre punti che sembravano non voler arrivare. Il cambiamento del modulo di gioco ha dato la svolta risolutiva al match e il ritorno agli antichi fasti di Inler, Hamsik e Campagnaro, più la superlativa ciliegina di Vargas sono le note positive al di la del successo finale.
Al termine, il pubblico in festa ha voluto che la squadra andasse sotto la curva in modo da creare un tutt’uno inscindibile, con la promessa tacita di non mollare più sino alla fine. L’Oj vita mia cantato sotto la pioggia stavolta è stato più sentito ed ha dato un senso di liberazione e di riscatto. La risposta, la svolta, finalmente, sono arrivate. L’incubo è finito e tutto è ancora possibile.
Da rilevare infine che nell’azione del gol di Pandev, il guardalinee è stato eccezionale. I cesenati avevano timidamente protestato per un fuorigioco, che poi le immagini hanno smentito con assoluta certezza. Per una volta bisogna anche elogiare l’attentissima e precisa condotta della terna arbitrale. Infatti, sembra che Banti e soprattutto i suoi collaboratori siano stati promossi per gli Europei polacco-ucraini di quest’anno. Auguri.
Mi chiedevo solo cosa ci sarebbe toccato sentire se, per errore, avessero annullato quel gol…
C’era una volta il Napoli. Bello, feroce e fortunato…

Gianluigi Trapani

Forza Napoli Sempre

La 10 non si tocca.

ilnapolista © riproduzione riservata