Il Pocho “non sa” tirare e segna solo gol difficili

Cinque gol, sei con la Coppa Italia, cinque difficili e solo uno normale. Secondo me il Pocho non sa tirare, per questo segna gol incredibili e sbaglia tiri decisamente più semplici. Stasera, con l’adrenalina ancora  in corpo, sono andato a rivedermi su youtube (potenza di internet e dei suoi mezzi), tutte le reti segnate da Lavezzi. Cominciamo. Cesena-Napoli 1-4, gran palla di Dossena e Lavezzi che prende il tempo al difensore mettendola d’esterno tra palo e portiere. Tocco sopraffino non c’è che dire. Napoli-Milan 1-2. E chi se lo scorda quel Pocho che rotola tra i difensori milanisti, con il piede che fa da cucchiaio. Il pallone s’impenna, sbatte sulla traversa e poi al di la della linea. Peccato sia servito a poco. Brescia-Napoli 0-1, l’unico appuntamento facile facile. Cross di Hamsik e a porta vuota segna il gol partita. Cagliari-Napoli 0-1. Ricordate la cavalcata che finisce all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero con quel fendente che si insacca alle spalle del portiere sardo? Napoli-Bologna 2-1 in Coppa, palla ammorbidita e piazzata d’esterno senza pensarci. Infine oggi. Di tacco. E di contro, quante volte ho imprecato per palloni gettati al vento, impatti mancati, tiri fiacchi o peggio punizioni inguardabili? Beh, da qui la mia riflessione. Lavezzi non deve pensare. E’ tutto istinto.  E se fa le cose con l’istinto, come spaccare le difese avversarie e poi servire assist al bacio gli riescono bene. Se pensa sbaglia. Ha promesso a Mazzarri di entrare in doppia cifra. Ci riuscirà? Non lo so, ma non fatelo pensare, dategli una palla e fategli un pieno di adrenalina e certamente non sbaglierà. Però la dieci se la scorda, almeno per quanto mi riguarda. Paolo Carafa

ilnapolista © riproduzione riservata