Reja sorprende Mazzarri, Yebda il migliore

Lazio-Napoli  2-0, le pagelle del prf. Guido Trombetti  
De Sanctis
-5,5– Prende un gol imparabile. Sorpreso sul secondo. Incerto in qualche uscita.
Grava– 4,5-Ora a destra ora a sinistra, mi sembra marchi a uomo. Soffre maledettamente.
Sosa– 6-Bella una conclusione dal limite. Buono qualche spunto.
Cannavaro
– 4,5-  Zarate e Floccari lo fanno ballare. Non è sicuro come in altre occasioni.
Campagnaro
– 4,5- Anche lui coinvolto nella festa da ballo della difesa azzurra. Quando va a spingere sceglie spesso appoggi cervellotici.
Maggio
-4,5- Radu lo mette in difficoltà. Non affonda mai lo spunto. Perde palle incredibili. Insomma un Maggio così non  serve. E lo capisce anche Mazzarri.
Zuniga
– 6-Fa certamente meglio del Maggio attuale.
Yebda
-6,5– Solito lavoratore. Contiene, sradica palle dai piedi avversari e si fa trovare (purtroppo?) anche dal limite per il tiro. La qualità però è quella che è.
Pazienza
-6- Impegnato a contenere Hermanes sembra un po’ meno lucido ed efficace nella fase di costruzione del gioco.
Vitale
– 6-Gioca una buona partita . Spinge. Prova l’allungo. Si fa trovare sempre. Insomma ci si può contare.
Lavezzi-
6-Ormai è chiaro. La squadra dipende dai suoi spunti. Fantastico il movimento con cui liquida due difensori e prende la traversa dal limite. Nella ripresa ancora qualche iniziativa ma anche lui mi appare a tratti rassegnato. Ma mica è San Gennaro
Hamsik
-5- Gioca lontano dalla porta per esigenze tattiche. Insomma più da centrocampista che da attaccante. Smista la palla come un vigile urbano il traffico. Senza mai un lampo. Dumitru- S.V. Cavani-5,5- Mi è sembrato un po’ spento. Anche se sul piano dell’impegno non gli puoi rimproverare nulla.
Mazzarri-
5- Sorpreso dalla mossa di Reja che, conoscendo bene i difensori del Napoli,  piazza Zarate prima punta. Ma in fondo che cosa avrebbe potuto fare? I difensori quelli sono.  Non riesce ad inventare nulla per invertire il corso del match. Tanto che nella ripresa la squadra addirittura peggiora nettamente. Ma forse nulla c’era da inventare. Un consiglio. Si dedichi ad Hamsik. Mi sembra sulla strada di un pericoloso anonimato. Un giocatore con quelle potenzialità non può passare la partita a dare la palla tre metri dietro ad un compagno qualunque.
Arbitro
-6- Non vede il fallo di “braccio” di Zarate sul goal. Ma francamente non era facile. Per il resto un buon arbitraggio.

ilnapolista © riproduzione riservata