Gioca Borriello,
l’ex Torre di Belem

Sabato, vigilia di partita. Cari amici, vi scrivo così mi distraggo un po’. La Roma mi rende nervoso (Totti per tutti). Nell’attesa, dilaga lo sfrennesiamiento.
Napoli-Roma. Claudio Ranieri somiglia sempre più a Giulio Cesare. Cercasi Bruto nelle file azzurre. Sarà Walter Bruto Mazzarri?
DeLa (diminutivo cinematografico) con la barba che ha potrebbe essere Vercingetorige, fiero avversario di Roma quando ancora non c’era il girone unico.
DeLa ha detto che porterà Robert De Niro al “San Paolo”. Chiacchiere e distintivo.
Walterino Gargano ha detto che vuole segnare per dedicare il gol a suo figlio Matias (dei Matias Bazar?). Su punizione dal limite. Sarà un Brivido caldo (titolo di un successo dell’antico complesso musicale italiano).
Gioca Borriello, l’ex Torre di Belem. Cifrario per i maligni: Belem, la torre di Lisbona sul fiume Tago.
La differenza è tutta qui: Ilary Blasi per Totti, Manuele Blasi per Mazzarri.
German Denis, l’uomo della rimonta sulla Roma, l’anno scorso (2-2). Gol del Tanque e rigore di Hamsik per un fallo sul Tanque. Tanque grazie. Non c’è di che.
Scusate, ci vuole Pazienza.
Vi piace Rosella Sensi? Dell’Impero dei Sensi. Non è proprio Eiko Matsuda, memorabile attrice giapponese che ci turbò nel film omonimo, ma, insomma, ha qualcosa di sbarazzino, la maschietta di Trigoria.
Arbitra Paolo Tagliavento di Terni. Con la Roma e Tagliavento chi è che bussa a ‘sto convento?
Usciamo dal seminato.
Cecchi Gori ha confessato di avere avuto una storia con un calciatore di serie A. Chi Cecchi trova.
Pià fa panchina nel Portogruaro. Pià, incarta e porta a casa.
Andrea Agnelli, neopresidente dei biancodelneri, ha detto: nessuno tocchi gli scudetti della Juve. Lo chiameremo Andrea. Al telefono. Per dirgli di smetterla.
L’ultima del Cavaliere: erezioni a marzo.
La Liga in Spagna. C’entra Bossi?, chiede il bambino che è in me.
Dalla scuola di Adro verranno tolti i 700 simboli padani. Piove, governo Adro.
Il segreto della Lazio? Il buon senso, la pazienza, l’umanità di Edy Reja. E’ Reja humanum est.
I giornali romeni hanno scritto che il pareggio del Napoli con la Steaua è stato uno scippo mafioso (la camorra chiede adeguata correzione). Sono Porci Questi Romeni?
Al processo di Napoli sul calcio-truffa, Franco Baldini, ex manager della Roma, ha definito Luciano Moggi “un uomo senza qualità” citando a sorpresa il titolo del celebre libro di Robert Musil. E glielo ha detto a Musil duro.
In una scola elementare di Casalnuovo hanno inventato il topo-scuola dopo l’apparizione  di un ratto.
Napoli-Roma, una vigilia di sfrennesiamiento.
Se vi è piaciuto, brindate con Stock 84. Se non vi è piaciuto consolatevi con Stock 84. Non si usa più? Come passa il tempo …
Mimmo Carratelli

ilnapolista © riproduzione riservata