ilNapolista

Damascelli: sui cori razzisti Commisso è un esempio da imitare, invece anche il suo vice lo lascia solo

Il presidente della Fiorentina si schiera contro i cori razzisti e Joe Barone, invece di sostenerlo, si schiera contro i bianconeri

Damascelli: sui cori razzisti Commisso è un esempio da imitare, invece anche il suo vice lo lascia solo

Su Il Giornale, Tony Damascelli scrive delle dichiarazioni di Rocco Commisso contro i cori razzisti. Ma anche di come siano distanti quelle rese ieri da Joe Barone, che ha rinnegato la possibilità, inizialmente avanzata, di un giro di campo con Agnelli prima del match di sabato tra Fiorentina e Juve.

“Rocco Commisso spera che possano vincere l’uomo e la sua intelligenza contro la bestia e la sua ignoranza. Altri presidenti dovrebbero imitarlo ma dovrebbero aggiungersi anche gli arbitri e, soprattutto i calciatori, non soltanto quelli di colore colpiti dal razzismo, ma coloro che vedono e sentono il loro lavoro avvelenato da offese e ingiurie che nulla c’entrano con il tifo”.

E invece, probabilmente, l’appello del presidente della Fiorentina resterà isolato. Non è stato accompagnato dalla solidarietà di altri, nel calcio. Nemmeno nel suo staff.

“Infatti il suo vice, Barone Joe, ha immediatamente provveduto a rimettere le cose nel loro disordine, rimangiandosi l’idea di un giro di pace, al Franchi, con Andrea Agnelli: «Non lo farei nemmeno per due miliardi di dollari». Non si allarghi too much, mister Barone; se si presentasse il cash forse guiderebbe Lei la comitiva. Oh yes”.

ilnapolista © riproduzione riservata