La Francia espelle dai campionati e dalle Nazionali chi giocherà la SuperLega

La Gazzetta segnala il pugno duro dei francesi, niente partecipazione a campionati, nazionale e ripartizione dei diritti televisivi a chi aderirà alla SuperLega

La Francia espelle dai campionati e dalle Nazionali chi giocherà la SuperLega

La Francia dura contro il progetto della SuperLega. La Gazzetta dello Sport riporta le dichiarazioni del presidente della federazione francese Noël Le Graët

«Ritireremo la licenza a chi sosterrà una Champions ideata per mortificare il calcio francese o, peggio ancora, aderirà ad una specie di Superlega»

L’opposizione al progetto dell’ECA, sposato dalla UEFA, è orami uscito fuori in tutti i campionati, ma la Francia ha osato il pugno duro e ha messo in campo delle limitazioni di fatto. Chi sceglierà di partecipare ai nuovi tornei europei non sarà iscritto nei campionati nazionali. Il gioco è semplice.

Le licenze nazionali vengono rilasciate dalle singole federazioni calcistiche e sanciscono le ammissioni ai campionati di appartenenza. Senza licenza, non ci si può iscrivere alla competizione nazionale e, conseguentemente, ottenere il pass per partecipare alle coppe europee.

La frecciata al PSG, unica società francese favorevole alla proposta SuperLega

«Parigi è sola. Non può giocare in Francia e, solo di tanto in tanto, seguire ciò che decidono la Federazione e la Lega. Gli consiglierò di pensare innanzitutto a costruire una squadra che riesca a superare gli ottavi di finale di Champions League»

E la polemica con Tuchel infastidito dalle dichiarazioni definite poco professionali.

Sempre dalla Francia anche una proposta per quanto riguarda i diritti televisivi

Il sindacato dei club di Ligue 2, l’Ucpf, chiede che «non vengano riconosciuti i diritti audiovisivi a quei club che aderendo alla nuova Champions decreteranno la morte del calcio nazionale»

ilnapolista © riproduzione riservata