Lo 0-2 del Psg sullo United rende l’idea della grande Champions del Napoli

Senza Cavani e Neymar, hanno vinto facilmente in casa di Pogba e compagni. Gli azzurri di Ancelotti devono essere consapevoli della loro forza

Lo 0-2 del Psg sullo United rende l’idea della grande Champions del Napoli

Senza Cavani e Neymar

Era tutto apparecchiato per la grande serata del Manchester United. La squadra che – da quando i giocatori hanno vinto la loro battaglia e hanno ottenuto lo scalpo di Mourinho – le ha vinte tutte tranne un pareggio acciuffato in extremis in casa col Burnley. I calciatori sono improvvisamente rinati con l’avvento in panchina di Solskjaer. E ieri sera gli uomini di Tuchel erano senza Cavani né Neymar. Col solito centrocampo arraffazzonato, col nuovo acquisto Paredes in panchina.

Eppure non c’è stata partita. O meglio, lo United ha premuto nel primo tempo senza però creare grandi occasioni tranne una con Rashford. Poi, nella ripresa, i parigini hanno fulminato gli inglesi. Prima con gol su azione calcio d’angolo con Kimpembe e poi con Mbappé che ha chiuso deliziosamente un cross basso di Di Maria.

La facilità con cui il Psg si è sbarazzato del Manchester United rende l’idea della grande Champions giocata dal Napoli di Ancelotti che ha pareggiato due volte contro gli uomini di Tuchel – peraltro senza infortuni – e al Parco dei Principi hanno rischiato di vincere. Addirittura ci fu chi si lamentò – anche Sacchi – dell’atteggiamento non sufficientemente arrembante degli azzurri al San Paolo. Il Napoli si è arreso a due grandi squadre – l’altra è il Liverpool – e questo deve essere un ulteriore stimolo per la Europa League che riprenderà domani sera con Zurigo-Napoli.

ilnapolista © riproduzione riservata