Razzismo, De Laurentiis: «Nessuno ha le palle, temono di perdere i voti»

Dopo la firma della convenzione per il San Paolo: «In Italia ci sono 40 milioni di tifosi, mi piacerebbe fondare un partito del calcio»

Razzismo, De Laurentiis: «Nessuno ha le palle, temono di perdere i voti»
Aurelio De Laurentiis

Hamsik e Fabian

Le parole di Aurelio De Laurentiis dopo l’incontro a Palazzo San Giacomo per il nuovo accordo col Comune sul San Paolo. Dichiarazioni riportate dall’agenzia Vista.

«Finalmente tutti, Regione, Comune, commissario, hanno preso a cuore il San Paolo. Firmeremo la convenzione per i prossimi dieci anni, e poi ci metteremo a lavorare per verificare come migliorare ulteriormente il San Paolo».

«Hamsik-Cina? Gli ho detto tante volte no, stavolta non potevo. Poi è arrivato Fabiàn Ruiz e allora Hamsik, che non è un cretino, ha fatto il pensiero che qui ci sono già quattro giocatori per due ruoli, io posso andare a in Cina per una ricca pensione».

«In Italia ogni volta spunta una questione nuova, perché nessuno ha le palle di prendersi le proprie responsabilità. L’ultima riguarda il razzismo. Se fai il ministro degli Interni, devi intervenire. La verità è che hanno paura di non avere più i voti, i tifosi in Italia sono 40 milioni, mi piacerebbe fondare il partito del calcio».

ilnapolista © riproduzione riservata