La moviola della Gazzetta: manca un rigore al Napoli

Napoli-Chievo, gli episodi al microscopio: per la rosea c’era fallo di Obi, per Casarin sul Corsera «fischiare certi falli è da arbitri modesti».

La moviola della Gazzetta: manca un rigore al Napoli

Qualche riga su Napoli-Chievo

Moviola in rosa, gli episodi di Napoli-Chievo vivisezionati da Alessandro Catapano sulla Gazzetta: «Due rigori reclamati dal Napoli. Al 6’ finiscono a terra nell’area del Chievo prima Mertens, poi Zielinski, atterrato da Obi che prende palla e gambe. Al 25’, ancora il nigeriano protagonista: Callejon gli prende il tempo e mezzo metro di vantaggio, lui lo atterra con una spallata molto al limite. Chiffi lascia proseguire ma restano dubbi». Nel titolo, si legge che “al Napoli manca un rigore”. Più probabilmente si parla del secondo, il colpo di Obi è veramente molto al limite del regolamento, forse anche oltre.

Paolo Casarin, sul Corriere della Sera, scrive invece una frase sibillina: «Il Var potrebbe cambiare, influenzare ancora di più il comportamento dei direttori di gara. Anche con una discrezionalità arbitrale ridotta, però, vedremo ancora impunite le spinte in area di Bologna e Fiorentina e quella di Obi su Callejon in Napoli-Chievo. Se ci saranno invece rigori, per questi falli, si tratterà di modesta qualità arbitrale». In pratica, è il vecchio adagio della bicicletta e del pedalare: per Casarin non era rigore. Al di là di ogni ragionevole dubbio, sottolineiamo come Ancelotti non si sia aggrappato a quell’episodio nel postpartita, come scritto anche dalla stessa Gazzetta.

ilnapolista © riproduzione riservata