Serie A in tv, avviata l’istruttoria dell’Antitrust: Sky sotto esame per condotta ingannevole

Il Giornale conferma l’inizio di un procedimento annunciato già ad agosto: Sky non sarebbe stata chiara con i suoi clienti in merito alla fruizione delle partite.

Serie A in tv, avviata l’istruttoria dell’Antitrust: Sky sotto esame per condotta ingannevole

Tre mesi dopo l’annuncio

A fine agosto, l’Antitrust aveva anticipato l’avvia di un’istruttoria nei confronti di Sky. Oggi Il Giornale pubblica la notizia dell’avvio del procedimento nei confronti dell’azienda milanese, per «due condotte che potrebbero aver violato il Codice del Consumo nella fase di promozione dell’offerta del pacchetto calcio serie A per la stagione in corso, e nella fase di gestione del contratto».

Nel mirino dell’Antitrust, la gestione della transizione tra il vecchio e il nuovo regime televisivo. I pacchetti relativi alla Serie A sono cambiati rispetto allo scorso anno: Sky aveva tutte le partite, quest’anno sette su dieci per ogni turno. Secondo l’Antitrust, Sky «avrebbe posto in essere, nei confronti dei nuovi clienti, una condotta ingannevole inerente alla modalità di presentazione, sul web e tramite spot televisivi, dell’offerta del pacchetto Sky Calcio. Infatti non avrebbe informato adeguatamente il consumatore sui limiti dell’offerta relativa alla trasmissione e fruizione delle partite di serie A. In particolare, con riferimento alle fasce orarie».

Ci sarebbe anche una seconda violazione. Sky «avrebbe indotto i propri clienti, già abbonati al pacchetto calcio, al rinnovo automatico del suddetto contratto. Questo, nell’erronea convinzione di poter disporre, anche per la stagione 2018/19, del medesimo contenuto del pacchetto dell’anno precedente. Inoltre, l’azienda non avrebbe inoltre prospettato a tali clienti la possibilità, a fronte della modifica dell’offerta, di recedere senza il pagamento di penali, costi di disattivazione e restituzione degli eventuali sconti di cui hanno fruito».

ilnapolista © riproduzione riservata