Il Mattino: c’è un piano ultras per far squalificare il San Paolo in Uefa

L’obiettivo è danneggiare economicamente il club. Poiché il San Paolo è diffidato, basterebbe qualche petardo o l’occupazione delle scale sulle gradinate»

Il Mattino: c’è un piano ultras per far squalificare il San Paolo in Uefa
San Paolo

Danneggiare economicamente il club

Il Mattino oggi in edicola ha raccolto una voce che in città circola da agosto. E che ha raggiunto anche la Digos. Ossia la presunta volontà da parte dei gruppi ultras di far squalificare il San Paolo in Uefa. E quindi procurare un rilevante danno economico al Napoli. Ricordiamo che in Uefa il San Paolo è già diffidato. Nessuna relazione nell’articolo tra queste presunte intenzioni e le dichiarazioni dell’altro giorno di De Laurentiis di poter giocare un domani la Champions a Bari.

L’articolo comincia così:

Parola d’ordine: contestazione. Tira una brutta aria sugli spalti del San Paolo. Aria di fronda. Frange della tifoseria organizzata, a cominciare da quella «dura e pura» incarnata dagli ultrà della Curva A, starebbero organizzando forme di protesta anche clamorose per far arrivare al presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis la propria voce di dissenso aperto. Per il momento si rincorrono voci insistenti, e tanto basta naturalmente a far scattare le antenne degli investigatori, Digos in testa.

Napoli-Liverpool

L’appuntamento è per Napoli-Liverpool del prossimo 3 ottobre. Scrive Il Mattino: “i gruppi e frange estreme dell’universo ultrà starebbe maturando una decisione clamorosa: quella di organizzare una contestazione tutt’altro che pacifica” per quella partita.

E ricorda l’articolo, a firma Giuseppe Crimaldi, che “basterebbe davvero poco a far scattare la sanzione più grave. Sarebbero sufficienti due petardi, o addirittura basterebbe occupare ad arte le verticali delle gradinate adibite a scale, che per normativa sportiva legata anche a ragioni di sicurezza devono rigorosamente essere lasciate libere. L’obiettivo di questo piano è chiaro: determinare un danno economico alle casse della società azzurra”.

Ricordiamo che sabato sera, in curva B, dovrebbe esserci il sindaco Luigi de Magistris che aveva annunciato che non avrebbe più assistito alle partite dalla tribuna. Chissà se terrà fede alla propria parola.

ilnapolista © riproduzione riservata