Napoli-Milan, la probabile formazione: dubbio Ospina-Karnezis, poi i titolarissimi

La nostra idea sulla formazione di stasera, sui ballottaggi e sulle possibili scelte in vista del match contro il Milan al San Paolo.

Napoli-Milan, la probabile formazione: dubbio Ospina-Karnezis, poi i titolarissimi

Le possibili scelte di Ancelotti

Ne abbiamo parlato anche stamattina, in un pezzo sul turn over e le parole di Ancelotti in conferenza stampa. Chi si aspetta cambiamenti significativi di formazione per Napoli-Milan resterà deluso. Per due ordini di motivi, anzi per due necessità: necessità di trovare i meccanismi giusti, e necessità di fare punti. Quindi, dentro la squadra che dà le migliori garanzie, almeno in questo momento. Verrà, deve venire, il tempo per le rotazioni scientifiche e per inserire davvero i nuovi acquisti. Non a caso, Ancelotti ha parlato di “rotazione naturale” proprio in questo senso. Resta un dubbio solo: Ospina-Karnezis. Il resto è praticamente tutto deciso.

Napoli-Milan

Ospina-Karnezis

Ne abbiamo scritto qui, riportiamo parte del pezzo: «Una settimana dopo Lazio-Napoli, potrebbe arrivare il momento di Ospina. Dovrebbe arrivare, almeno secondo noi. È una questione di fissazione delle gerarchie, nonché delle prospettive per il futuro prossimo. La lettura abbastanza semplice: se Ospina è il secondo portiere, l’elemento di esperienza e affidabilità che deve coprire Meret fino al suo recupero e anche oltre, tanto da pensare a una possibile alternanza in alcuni segmenti della stagione, perché non cominciare subito con lui?».

Ecco, ripartiamo da queste parole. È da qui che ha origine il nostro 51% nel campetto che leggete sopra. Per noi, è giusto che giochi il colombiano, i rumors dicono che possa toccare davvero a lui e la cosa ci solleverebbe. Per un motivo semplice: l’operazione composita con Meret comincerebbe ad acquisire senso, più senso rispetto a un’altra gara da titolare per Karnezis.

Milik – Mertens

Un 10% di assoluto scrupolo, quasi di garanzia. Ci mancherebbe altro, toccherà a Milik e poi Mertens subentrerà. Come suo alter ego, come sostituto di Insigne, questo si vedrà. La certezza (e da qui parte il nostro finto ballottaggio) è che Dries farà parte del progetto con un ruolo da protagonista, non per Napoli-Milan ma per tutte le altre partite. È il secondo centravanti a disposizione, è uno dei tanti esterni offensivi. Ancelotti ha il compito, anzi il dovere, di inserirlo. Anche al posto di Milik, qualche volta, perché no? Magari a partita iniziata stasera, per fargli prendere confidenza con la nuova squadra.

 

ilnapolista © riproduzione riservata