Il tifoso del Napoli e il mercato, il ricordo di Lapadula e il presente di Benzema e Zaniolo

L’estate dei trasferimenti, la Tennent’s, il sogno di Cavani e la certezza che le operazioni del Napoli siano minimizzate dai suoi stessi tifosi.

Il tifoso del Napoli e il mercato, il ricordo di Lapadula e il presente di Benzema e Zaniolo

Una giornata tra mare e Praet

Sono un tifoso del Napoli in estate, ed essere tifoso del Napoli in estate è una tarantella enorme. Ogni due ore la mia squadra prende e cede giocatori e penso che se fosse quotata in borsa sarebbe un’impagabile croce per i brooker finanziari. In spiaggia mentre i criaturi schizzano acqua proprio mentre stai trovando il coraggio per tuffarti, pensi che le altre abbiano già comprato diversi fenomeni e tu passi da Cristiano Ronaldo a Praet cosi come si passa da una Tennent’s ad un caffè del nonno. Senza senso.

Un tuffo, risali e ti convinci che quasi è certo l’arrivo di Benzema. Ma nel frattempo Insigne, scrive uno su un sito attendibile, è vicino al Liverpool perché il “pappone addà fa ‘e sorde”. In tutto questo hai già preso Verdi ma nessuno si è mangiato un applauso perché giocava nel Bologna, ma la Roma ha tesserato Zaniolo e sembra quasi che abbia preso il nuovo enfant prodige del pallone. Ci siamo abituati.

Minimizzare, sempre

Le cose che facciamo da queste parti sono sempre minimizzate, pure quella volta che ci presentammo con Cavani qualcuno sorrise e pensò che Zamparini ci avesse rifilato il pacco. Insomma, in estate il calciomercato noi lo viviamo male. Siamo senza portiere eppure se ce la siamo presi con Reina su ogni goal della stagione passata, arriviamo a rimpiangerlo e a criticare la scelta della cessione. L’Inter ha preso Nainggolan – per carità, un signor giocatore – ma nessuno si è chiesto come mai la Roma pur di venderlo si sarebbe preso persino Santon. Ah no, l’ha preso sul serio.

Misteri mediatici, misteri italici, perché all’estero tutti esaltano il Napoli per il colpo Fabìan Ruiz un fenomeno del centrocampo per gli iberici. Ma l’attenzione l’ha spostata Emre Can, preso in scadenza per 16 milioni di euro, diciamo non proprio un affare. Sono un tifoso del Napoli in estate e sono seriamente a disagio, smartphone dipendente, cliccatore seriale di ogni link in attesa che arrivi il colpaccio. Come quell’estate in cui ci vennero le crisi perché avevamo perso tale Lapadula o ce ne siamo dimenticati? Mi ricordate adesso quante scarpe d’oro ha vinto? Eppure ci scagliammo sui social manco avessimo perso Suarez.

Fortuna che la finestra di mercato si chiuderà in contemporanea con l’inizio del campionato. E quindi gli ultimi dieci giorni di Agosto potremmo passarli in assoluta serenità senza ansie, senza patemi. Ah secondo me torna Cavani, perché le Tennent’s so’ passate a tre ed in spiaggia si può sognare l’attaccante che si vuole.

ilnapolista © riproduzione riservata