Emre Can alla Juventus: il “finto” parametro zero e la prima clausola rescisoria

Il Liverpool non ha incassato nulla per il cartellino di Emre Can, ma la Juventus ha dovuto pagare 16 milioni in commissioni. La clausola da 50 milioni si attiverà dopo la terza stagione.

Emre Can alla Juventus: il “finto” parametro zero e la prima clausola rescisoria

Le imposizioni del mercato

Emre Can è un nuovo calciatore della Juventus. Contratto quadriennale da cinque milioni l’anno da cinque milioni a stagione, per l’ex centrocampista del Liverpool. Che ha lasciato i Reds a parametro zero, anche se è improprio parlare in questo modo per quanto riguarda il club bianconero. L’arrivo a Torino del tedesco ha comunque avuto un prezzo per Agnelli e Marotta: 16 milioni di euro in commissioni, da versare nei prossimi due esercizi. In un comunicato ufficiale, questo investimento viene definito «somma per oneri accessori». La Gazzetta spiega che si tratta di «una lauta commissione al procuratore», in pratica si tratta di una ricompensa per aver portato il giocatore a Torino piuttosto che in altri top club interessati.

È una sorta di “concessione” che la Juventus fa al mercato, tutto in maniera lecita e naturale, ovviamente. Da aggiungere alle commissioni, anche la “novità” della clausola rescissoria. Nel contratto di Emre Can, infatti, è stata inserita una somma minima per il trasferimento (50 milioni) che si attiverà al termine della terza stagione. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, si tratta di una prima volta assoluta in casa bianconera. Sempre leggendo il quotidiano milanese, si legge che questo è «”il prezzo da pagare” per strapparlo alla concorrenza». Un altro prezzo da pagare, viene da dire. La Juventus è una squadra normalissima, anche sul mercato: agisce come può e finché può, in base alle proprie possibilità. Che gli permettono di assorbire tranquillamente 16 milioni per un acquisto “a costo zero” e l’hanno comunque costretta ad inserire la clausola.

ilnapolista © riproduzione riservata