Ancelotti a Napoli non sarà un nuovo Benitez

È un estraneo che può entrare in sintonia con questa città, come accadde a Bianchi. È un allievo di Liedholm, predilige sempre il tratto umano. A differenza di Rafa

Ancelotti a Napoli non sarà un nuovo Benitez

La frase di Albertini

Da questo punto di vista penso proprio che può far crescere anche la modalità di approccio della piazza perché sappiamo tutti che a Napoli ci si entusiasma e ci si deprime rapidamente. Ma non sarà l’ambiente a doversi adattare a lui, perché Carlo è così bravo da farlo sembrare naturale».

È una dichiarazione rilasciata l’altro giorno al Mattino da Demetrio Albertini, frase che è parte dell’intervista concessa a Bruno Majorano. Una frase fondamentale per comprendere il nuovo allenatore del Napoli e anche per fare un po’ di chiarezza su un’operazione che soltanto all’apparenza – e, consentiteci, per coloro i quali preferiscono fermarsi all’aspetto superficiale – è la fotocopia di quella condusse Benitez a Napoli. Qui facciamo un’altra citazione, stavolta tratta dal Napolista, dall’articolo di Mario Colella: “Ancelotti non lo si faccia diventare – questo lo dico ai neo ancelottiani napoletani – un idolo odioso di giacobinismo antinapoletano, non lo scaraventiamo nelle nostre diatribe inutili, solo divisive”. È una zeppata anche a noi del Napolista, ma non facciamo fatica a dire che anche Colella centra il punto.

Le prime ore napoletane dicono tanto

Ancelotti è certamente un estraneo a Napoli, una sorta di alieno, ma un alieno curioso e sempre disposto a mettersi in gioco. Basta osservare quelle pochissime ore che ha dedicato al Napoli per comprendere che in lui – per tagliarla un po’ con l’accetta – convivono il cosmopolitismo e il provincialismo. Ancelotti arriva a Napoli, risponde al tweet di benvenuto di Allegri e lo fa incurante delle critiche che possono piovergli addosso. Perché Ancelotti non ha bisogno di assecondare la platea, lui che è persino anti-juventino ortodosso ma lo è a modo suo. Allo stesso tempo, non ha paura di farsi fotografare in una posa che ai più potrebbe sembrare ridicola, quella alla James Bond con Aurelio De Laurentiis. Se la lascia scattare. L’indomani quella foto è in prima pagina sulla Gazzetta. Così come la notizia del suo arrivo a Napoli finisce sul Washington Post.

Si è sempre definito un provinciale

Scommettiamo che non dirà popolo napoletano, che non userà quegli artifizi retorici del populismo per ingraziarsi la platea. Non gli serviranno. Ancelotti si è sempre definito un provinciale. I titoli dei suoi libri – che vi invitiamo a leggere – parlano di e per lui. “Preferisco la coppa” che è un doppio senso, la coppa è intesa anche come salume. E “Il leader calmo”. Oggi Giancarlo Dotto, in un bel ritratto di Carletto sul Corriere dello Sport, ricorda così la sua esperienza bianconera:

L’ho visto triste e a disagio (anche se lui non lo ammetterà mai), solo quando allenava la Juventus e non perché i tifosi gli avevano dato del “maiale”, animale peraltro molto amato dalle sue parti, ma perché si percepiva meschino, poco più che una comparsa nel potentissimo cartello di Moggi e soci dell’epoca.

«Mi riconosco molto in Morandi»

Giancarlo Dotto si mette in scia ad Albertini. Definisce Ancelotti “ragazzo di campagna, che ne ha viste di vanghe e di vacche. Italiani veri come Ancelotti, Morandi, Al Bano. Riporta una sua frase che sarebbe da incorniciare: “Mi riconosco molto in Morandi. Io, come lui, sono da bosco e da riviera», mi disse un giorno da allenatore celebre e finalmente rilassato. «Però, preferisco essere da bosco. Tra la trattoria e il grande ristorante, scelgo sempre la prima, dove posso fare la scarpetta». E riportiamo un altro passaggio che secondo noi è illuminante:

Negato per le lingue, ma secchione come mamma l’ha fatto, si è sbattuto con eroica dedizione, dopo il romanesco (l’unica che gli è venuta facile) e il meneghino, ha imparato l’inglese, il francese, lo spagnolo e stava per imparare il tedesco prima di essere messo alla porta. Giurateci, da qui a ottobre spiegherà il suo 4-4-2 a Insigne e compagni con la lingua e le pause di Eduardo.

Benitez andò al muro contro muro

È profondamente sbagliato il paragone, peggio ancora l’appiattimento, con Rafa Benitez. Benitez – che noi del Napolista abbiamo amato tantissimo e ancora amiamo – era un sacchiano dentro. Un integralista. Cocciuto. Voleva e vuole plasmare il mondo a sua immagine e somiglianza, certo che la sua immagine sia la migliore possibile. Benitez sì che a Napoli andò allo scontro, al muro contro muro. E bisogna anche ammettere che poi il triennio Sarri ha dimostrato come non avesse affatto tutte le ragioni. Ma, ovviamente, nemmeno tutti i torti.

Liedholm

Per comprendere Ancelotti, bisogna fare l’elenco dei suoi “maestri”. E il primo fu Nils Liedholm un filosofo più che un allenatore. Un gigante che è riuscito a vincere a Roma, per giunta senza Maradona. Che era all’avanguardia in un’epoca in cui le statistiche non c’erano (e sappiamo cosa pensi Ancelotti delle statistiche). Liedholm è l’uomo che letteralmente trasformò in calciatori due rospi di belle speranze che avrebbero potuto tranquillamente perdersi: Bruno Conti e Roberto Pruzzo. Per non parlare di altri. Che giocò una finale di Coppa dei Campioni con in panchina Malgioglio, Oddi, Strukelj, Chierico e Vincenzi. Che quando portò con sé a Milano Di Bartolomei, notoriamente bradipo, disse: «Ho detto ad Agostino che deve correre di meno». Liedholm ha prodotto calcio e buon senso. Ha trasmesso ad Ancelotti quel sano distacco che è servito al tecnico di Reggiolo per il definitivo salto di qualità dopo la fine del suo furore sacchiano che lo spinse a dire no a Baggio al Parma.

Arrigo Sacchi

Perché il secondo maestro di Ancelotti è stato Sacchi l’uomo che lo volle fortemente al Milan. Che al Berlusconi che gli obiettò: “Ma ha il ginocchio invalido al 30%” rispose: “Sì, però il cervello funziona al 100%. Lo prenda e vinceremo lo scudetto”. Ha seguito Arrigo a Usa 94, gli ha fatto da secondo nella Nazionale. Ha creduto, alla Benitez, che il calcio potesse esser racchiuso in un solo modulo e in un solo modello. Poi, però, si è affrancato dal 4-4-2 e soprattutto da quella visione. Gli è ritornato su – potremmo dire ha metabolizzato – Nils Liedholm. E Liedholm lo ritroviamo in quei passaggi della sua biografia “Il leader calmo” che abbiamo riportato l’altro giorno: “Con Berlusconi, proprietario del Milan dal 1986, imparai molto in fretta che il mio lavoro era farlo contento”. E ancora: “Non posso controllare la volontà del presidente, posso solo sperare di influenzarlo, e l’unico modo per farlo è vincere. Perché se lui è felice, lo sono anch’io; e se lui non lo è, io perderò il posto e non potrò più proteggere i giocatori”.

Dietro un calciatore, c’è un uomo

Ha cominciato un percorso che lo ha portato ad allenare le squadre più importanti del pianeta. E con tutte a vincere qualcosa. Senza mai smarrire il tratto della sua personalità. La calma, la duttilità, oltre all’intelligenza, la passione, la competenza calcistica, il sano distacco. Ha resistito otto anni con Silvio Berlusconi nel pieno del vigore, è riuscito sempre a dribblare con ironia le pressioni presidenziali per la formazione. Ancelotti, a differenza di Rafa, ha una predilezione per il tratto umano. Sa che dietro un calciatore c’è un uomo. È il suo approccio. Nel bene e nel male. È quel che portato Lavezzi a dire: «Ho litigato con tutti gli allenatori che ho avuto, con lui non ci sono riuscito». O altri calciatori a esibire in questi giorni auguri e attestati di stima nei suoi confronti. Da Xabi Alonso a Kaka, fino a Maldini e a Shevchenko.

Ancelotti, ovviamente, è distante da Napoli. Ma è un diverso che può entrare in sintonia con questa città. Nel rispetto delle differenze. Come peraltro accadde con Ottavio Bianchi. È un uomo che ha fatto della massima di Mourinho uno stile di vita: “Chi sa solo di calcio, non sa niente di calcio”. Ama mangiare, ama il cinema. Sintetizzando: è uno che sa campare e sa come va il mondo. Non ha paura. Mai. Come ha confessato in quest’intervista col figlio che vi consigliamo di guardare su Youtube.

Quindi è inutile, oltre che stupido, riproporre le contrapposizioni che ci hanno accompagnato con Benitez e anche con Sarri. Così come è decisamente fuori registro definire Ancelotti un uomo di sistema, restando incollati al giochino ironico della rivoluzione, giochino cui qualcuno ha finto di credere davvero. Ancelotti è uomo di calcio. È uomo che ha vinto tanto. E che ha perso tanto. E in maniera bruciante. Perché solo chi ha perso, può vincere. Che, quasi alla Kipling, ha reagito nello stesso modo alla sconfitta e alla vittoria. Ha perso una partita che resta nella memoria come una delle più brucianti sconfitte della storia, la finale di Champions a Istanbul contro il Liverpool di Benitez. Una sconfitta che avrebbe distrutto chiunque, e invece lui due anni dopo si prese la rivincita. Lo scorso anno è stato buttato fuori dall’arbitro nella sfida di Champions tra il suo Bayern e il Real Madrid. Ha visto scivolare via tantissimi anni fa, sotto l’acquazzone di Perugia, lo scudetto con la Juventus. E a caldo reagì così.

Ancelotti a Napoli, perdonate lo scadimento retorico, è un libro da scrivere. Non è un libro già scritto. Lui arriverà senza pregiudizi. Sarebbe bello se lo facessimo anche noi.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Luciana Calienno 27 maggio 2018, 22:43

    E allora cominci lei ad abbandonare luoghi comuni e pregiudizi e a non parlare più di “corpaccione della città” , di “papponismo” , di “popolo bue” e quant’altro.Anche perchè una grande città è ovviamente fatta di decine di tipologie umane, differenti da tutti i punti di vista, non inquadrabili in uno stereotipo di comodo. E stia tranquillo : nessun allenatore,dalle caratteristiche umane e professionali così diverse, ha mai avuto problemi con la città e viceversa,e alla squadra in campo non è mai mancato il sostegno incondizionato.

  2. Achille Cirillo 27 maggio 2018, 20:27

    Concordo in toto con quanto scritto e aggiungo che a differenza di Benitez, Ancelotti riceverà un trattamento mediatico decisamente migliore di quello riservato allo Spagnolo che sia a livello nazionale che locale veniva quasi ridicolizzato. Su Ancelotti credo saprà adattarsi senza difficoltà sia alla piazza e soprattutto alla squadra che per impostazione tattica è vicina all’ompostazione che lo stesso Ancelotti ereditó dal Bayern di Guardiola. Ovviamente poi ci sarà da capire con il mercato in entrata e soprattutto quello in uscita che Napoli sarà quello di Ancelotti.

  3. per un profilo psicologico completo io ci metto 6-12 mesi. il direttore ci mette un editoriale. abbiamo un bel direttore….

    • sai, c’è chi conosce Ancelotti da 40 anni, e chi come te lo ha sentito nominare 3 giorni fa per la prima volta,

    • Luciana Calienno 28 maggio 2018, 10:06

      Un profilo che peggiorerebbe subito non appena dovessero incrinarsi i rapporti con adl.Lui ha anche l’archivio di tutti i papponisti di Napoli,con circa 500.000 profili completi. Lo ha chiamato”Il corpaccione di Napoli”. Il resto degli abitanti naturalmente sono tutti camorristi.

  4. Mi scuso per l’off-topic, ma da quando qualche giorno fa disqus mi ha sottoposto il papiello da accettare sulla gdpr, ad ogni nuovo accesso al Napolista devo autenticarmi quando accedo ai commenti. In pratica il browser non conserva il sign-in su disqus dalla precedente sessione, mentre prima lo faceva. C’è qualcun altro a cui capita lo stesso inconveniente?

  5. Francesco Sisto 27 maggio 2018, 16:56

    Lasciamolo lavorare, poi alla fine tireremo le somme.
    Certo porta esperienza, personalita ed anche sapienza calcistica, allo stesso tempo arriva in una squadra con una fisionomia e personalita ben delineata da Sarri, una squadra che é ai vertici del calcio italiano oramai da 6-7 anni, che ha conteso lo scudetto fino alla fine alla Juve strapotente di questo decennio, e che é stata quella che ha vinto piu di tutte le altre durante l’interregno Juventino.
    Insomma, non è che trova il Chievo o la SPAL, con tutto il rispetto, e credo che proprio cone i suoi predecessori che si sono susseguiti sulla panchina azzurra, portera qualcosa in dote, anzi, potrebbe essere la persona adatta per raccogliere i frutti di quanto Sarri, Rafa e Mazzarri hanno seminato, ma non voglio creare attese e illusioni, se ci saranno le condizioni per lavorare bene, credo che continueremo a toglierci qualche soddisfazione.

  6. michele o pazzo 27 maggio 2018, 16:10

    Stabbene. Finalmente una cosa condivisibile. Ripartiamo dall’ultimo periodo dell’articolo.

  7. Posso essere brutalmente pragmatico e poco poetico, anche se forse un poco sognatore?
    Con Ancelotti sulla nostra panchina, e la ulteriore attenzione mediatica che ciò avrebbe creato a livello internazionale intorno al duello Napoli Juve, Orsato ci avrebbe pensato trentatré volte prima di fare le sciocchezze che ha fatto durante la partita Inter Juve.

    A parte questo particolare, sono convinto che con Ancelotti vedremo il Napoli giocare meno bene ma gestire meglio i pre e i post partita. E forse vinceremo qualcosa.

Comments are closed.