Guardiola replica a Raiola: «Se sono un cane, come mai voleva offrirmi Pogba e Mkhitaryan?»

In conferenza stampa, Guardiola ritorna sullo scontro col superagente: «Non sono quel tipo di persona che protegge i suoi giocatori, non può portare a una persona come me i suoi assistiti».

Guardiola replica a Raiola: «Se sono un cane, come mai voleva offrirmi Pogba e Mkhitaryan?»
Guardiola

In conferenza stampa

«Il paragone con un cane non è bello, deve rispettare i cani». Raiola vs Guardiola, un nuovo (doppio) round. Il tecnico del Manchester City e il super-agente si scontrano di nuovo, qualche tempo dopo le ultime parole di Raiola sulla «caratura personale» di Pep. Queste le (dure) parole del procuratore: «Pep? È un allenatore fantastico, ma come persona vale come uno zero assoluto. Un codardo, un cane. È il classico prete, fai quello che ti dico ma non fare quello che faccio».

La replica di Guardiola non è stizzita, ma è altrettanto dura. Anche perché cita rapporti recenti, che in qualche modo sconfesserebbero l’attuale distanza tra i due professionisti. Ieri, alla vigilia del derby di Manchester, Pep ha parlato così in conferenza stampa: «Due mesi fa mi ha offerto Mkhitaryan e Pogba, voleva che venissero a giocare con noi. Perché mi ha chiesto se Pogba e Mkhytarian volessero giocare con noi? Non sono quel tipo di persona che protegge i suoi giocatori, non può portare a una persona come me i suoi assistiti. Sono o non sono un cane?».

Poi Guardiola ha aggiunto: «Raiola sa che sono un top manager, ma non un bravo ragazzo. Merita che i suoi calciatori lavorino con allenatori migliori. E poi non abbiamo abbastanza soldi per comprare Pogba, è così costoso…».

La controreplica

In serata, Raiola ha controreplicato a Guardiola. Intervistato dalla Bbc, il procuratore ha spiegato la situazione, ridimensionando i toni della discussione: «Non ho mai parlato con Guardiola, non gli parlerei di giocatori, lo farei col Manchester City. Sono un club fantastico con un allenatore fantastico». Una chiusura praticamente al miele, ma aspettiamo la prossima puntata.

 

ilnapolista © riproduzione riservata