Raiola contro Guardiola: «Un codardo, un cane, come persona vale zero»

Pesantissimo attacco del superagente a Pep Guardiola, dalle colonne del Daily Mirror: «Bravissimo allenatore, ma io continuerò ad odiarlo. Ha ignorato Ibrahimovic, non lo ascoltava né lo faceva giocare».

Raiola contro Guardiola: «Un codardo, un cane, come persona vale zero»

Le parole al Daily Mirror

Mino Raiola attacca (pesantemente) Pep Guardiola. L’agente italo-olandese utilizza parole abbastanza velenose nei confronti del tecnico catalano, reo di aver “trattato male” due suoi assistiti. Parliamo, ovviamente, di Zlatan Ibrahimovic e di Maxwell, ai tempi del Barcellona. Le parole del procuratore sono state raccolte dal Daily Mirror: «Pep? È un allenatore fantastico, ma come persona vale come uno zero assoluto. Un codardo, un cane. È il classico prete, fai quello che ti dico ma non fare quello che faccio».

E ancora: «Se il Manchester City vincerà la prossima Champions League, si enfatizzerà ancora la sua bravura. Ma io continuerò ad odiarlo. Nel 2011, dopo la finale di Wembley tra Barcellona e Manchester United, sono andato a cercare Guariola nei corridoi. Per sua fortuna, Galliani mi ha fermato. Pep disse a Zlatan di andare da lui se avesse avuto problemi o lamentele, ma poi lo ha semplicemente ignorato e non lo faceva giocare. Non lo ha nemmeno salutato quando dal Barcellona è passato al Milan. Guardiola ha fatto lo stesso con Maxwell che è una bravissima persona, un ragazzo adorabile. Così ho detto a Zlatan di andare a parcheggiare la sua Ferrari nel posto riservato a Guardiola».

ilnapolista © riproduzione riservata